Beni confiscati, spreco dei sindaci - QdS

Beni confiscati, spreco dei sindaci

Alessandro Petralia

Beni confiscati, spreco dei sindaci

mercoledì 21 Dicembre 2011 - 00:00

Patrimonio. Immobili a disposizione che rischiano di marcire.
Le cifre. Nel 2011 in Sicilia si contano oltre 5 mila beni confiscati alla mafia, ma solo 2 mila sono riutilizzati per gli scopi previsti dalla legge. Gli altri sono fermi al palo e perdono valore.
Lentezze. L’Agenzia riesce ogni anno a destinare più beni di quante sono le confische, ma serve un ulteriore salto di qualità per ridurre il monte di immobili che giacciono inutilizzati.

PALERMO – Sempre più spesso palazzine sottratte ai mafiosi diventano caserme per le forze dell’ordine o centri di recupero per tossicodipendenti, così come molti terreni confiscati vengono trasformati in luoghi di agricoltura biologica dalle cooperative sociali che li hanno presi in gestione. I problemi però, soprattutto per quanto riguarda la destinazione e l’utilizzazione, rimangono enormi e spesso lentezze burocratiche, cavilli legali e non ultime difficoltà legate al potere intimidatorio dei clan fanno in modo che molti dei beni sottratti alla mafia restino inutilizzati: il problema è grave perché ogni immobile confiscato che resta a marcire è una piccola sconfitta per lo Stato e un’opportunità in meno per tanti giovani, che grazie a quegli immobili potrebbero realizzare svariate e vantaggiose attività. (continua)

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684