A San Cataldo i tre commissari già al lavoro dopo lo scioglimento per infiltrazioni mafiose - QdS

A San Cataldo i tre commissari già al lavoro dopo lo scioglimento per infiltrazioni mafiose

Annalisa Giunta

A San Cataldo i tre commissari già al lavoro dopo lo scioglimento per infiltrazioni mafiose

sabato 30 Marzo 2019 - 00:00
A San Cataldo i tre commissari già al lavoro dopo lo scioglimento per infiltrazioni mafiose

Giuseppina Di Raimondo, Filippo Romano e Leonardo Richichi guideranno il Comune per 18 mesi
Con la decisione del Consiglio dei ministri stop anche alle elezioni del prossimo 28 aprile

SAN CATALDO (CL) – Niente elezioni per il Comune, sciolto per infiltrazioni mafiose con apposita delibera del Consiglio dei ministri, su proposta del ministro dell’Interno Matteo Salvini. “All’esito di approfonditi accertamenti – si legge nella nota del Governo – sono emerse forme di ingerenza da parte della criminalità organizzata che compromettono il buon andamento dell’azione amministrativa”. Per questo la gestione è stata affidata a una Commissione straordinaria per un periodo di diciotto mesi.

Una decisione giunta a seguito dell’operazione “Pandora”, condotta dalla Forze dell’ordine, che ha interessato il settore dei rifiuti e quello edile. Irregolarità, quelle emerse negli otto mesi di intense indagini riguardanti la gara per l’assegnazione del servizio di igiene urbana (20 milioni di euro per sette anni) e l’iter per riqualificare il rione Santa Fara per 5 milioni di euro con il contratto di quartiere.

La Commissione straordinaria si è già insediata: a curare la gestione dell’Ente saranno Giuseppina Di Raimondo, vicario del prefetto di Caltanissetta dal 2007 al 2015, Filippo Romano, attuale vice prefetto vicario a Siracusa, e Leonardo Richichi, già funzionario della Prefettura di Regio Calabria. A loro sono stati conferiti i poteri spettanti a sindaco, Giunta e Consiglio comunale. “Agiremo– hanno affermato Di Raimondo e Richichi subito dopo l’insediamento – nella massima trasparenza e collaborazione”.

Tante le priorità che dovranno essere affrontate ci sono l’organizzazione della Settimana Santa, il Piano finanziario dei rifiuti e le tariffe Tari, il dissesto finanziario. “Ancora è presto per fissare obiettivi” hanno evidenziato i commissari.

Intanto l’ormai ex sindaco Giampiero Modaffari, dopo un primo momento di silenzio, ha voluto affidare a un comunicato stampa le sue riflessioni. “Quella che si è scritta in queste ore – ha affermato – è senza dubbio una delle pagine più tristi e nere nella storia di questa città. Dal punto di vista personale e della Giunta in carica sono fermamente convinto che abbiamo operato con rigore morale e trasparenza, lontanissimi da certe logiche e frequentazioni, lavorando nell’esclusivo interesse della collettività e nel pieno rispetto della legalità. Al momento non possiamo che prendere atto della situazione e della decisione del Consiglio dei ministri, rimanendo in attesa delle motivazioni”.

“Leggeremo le carte con attenzione – ha concluso – per capire effettivamente quali siano state le motivazioni, quali siano i fatti individuati e se ci siano elementi concreti, univoci e rilevanti, ovvero anzitutto capire se il provvedimento è contestabile o meno. Al momento non posso che ritenerlo un atto di somma ingiustizia nei confronti della città e ritengo che qualora ve ne siano i motivi ricorreremo senza indugio al Tar: più che per una difesa personale, è la città di San Cataldo che merita di essere difesa strenuamente e lo faremo con tutte le nostre forze”.

Annalisa Giunta

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684