Acquisti online extra UE, nuove regole Iva, ecco cosa sapere - QdS

Acquisti online extra UE, nuove regole Iva, ecco cosa sapere

Web-mp

Acquisti online extra UE, nuove regole Iva, ecco cosa sapere

Web-mp |
giovedì 01 Luglio 2021 - 20:08

Cambiano le regole dell’Iva per gli acquisti e-commerce extra-Ue: tutti i beni importati sono soggetti all'imposta sul valore aggiunto, compresi quelli finora esenti

Cambiano le regole dell’Iva per gli acquisti e-commerce extra-Ue: tutti i beni importati sono soggetti all’imposta sul valore aggiunto, compresi quelli finora esenti; se l’imposta non è stata versata tramite sistemi di prepagamento dovrà essere riscossa dall’operatore postale che effettua la consegna. Lo spiega Poste italiane in una nota.

A partire da oggi, con l’entrata in vigore della direttiva Ue 2455 del 5/12/2017, la normativa doganale per gli invii di corrispondenza e pacchi provenienti da Paesi extra-Ue ha subito alcune importanti modifiche.

“In particolare, il pagamento dell’Iva è ora dovuto per tutti gli invii di carattere commerciale contenenti merci in arrivo da Paesi extra Ue, compresi quelli con valore inferiore a 22 euro (anche per merci ordinate in data antecedente al 1° luglio, ma che arrivano in Europa successivamente a questa data), salvo che l`imposta, nel caso di invii di valore non superiore a 150 euro, non sia stata già assolta attraverso sistemi di prepagamento”, spiega Poste.

In tal senso, per agevolare il pagamento dell’Iva, dallo scorso primo aprile, tutti i venditori online possono registrarsi, in qualsiasi Stato membro dell`Unione europea, al sistema “Import one stop shop” (Ioss) che consente al cliente finale di pagare l’IVA al momento dell’acquisto di beni, di valore non superiore a 150 Euro, importati da Paesi o territori extra-Ue, evitando ulteriori addebiti e facilitando i tempi di consegna”.

Gli invii per i quali l’imposta sul valore aggiunto non risulta assolta attraverso sistemi prepagati sono, inoltre, soggetti al pagamento dei diritti postali di sdoganamento; la consegna sarà in questo caso subordinata al pagamento delle somme dovute dal destinatario dell`invio mediante contrassegno.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684