Agrigento, attivo il Centro antistalking e antiviolenza - QdS

Agrigento, attivo il Centro antistalking e antiviolenza

Irene Milisenda

Agrigento, attivo il Centro antistalking e antiviolenza

giovedì 02 Aprile 2020 - 00:00
Agrigento, attivo il Centro antistalking e antiviolenza

L’isolamento e la convivenza forzata in casa possono sfociare in spiacevoli episodi familiari. Assistenza telefonica e tramite i social network per le donne che hanno bisogno

AGRIGENTO – La convivenza forzata tra le mura domestiche può trasformarsi in una trappola per tante donne che subiscono maltrattamenti e abusi da parte dei loro partner. E il terribile caso di cronaca che si è verificato ieri nel messinese rappresenta l’esempio lampante di quanto appena detto. Per questo è necessario far sapere alle donne che, anche in questi giorni di isolamento necessario e obbligato, una porta per la salvezza è sempre aperta.

Il Centro antistalking e antiviolenza Telefono aiuto di Agrigento ha potenziato la propria attività di ascolto e intervento. “Nonostante la situazione che ci impedisce di svolgere il lavoro con incontri diretti – ha spiegato la presidente Antonella Gallo Carrabba – abbiamo attivato un numero di telefono, il 351/2712588 cui rispondo direttamente. Oltre a questo, siamo presenti su Facebook e abbiamo anche creato un profilo Instagram”.

“Sono molte – ha aggiunto – le donne che ci stanno scrivendo in chat per avere informazioni o chiedere aiuto. Noi facciamo il possibile per dare consulenza e sostegno a livello psicologico e legale”.

Nei giorni scorsi si sono registrate alcune chiamate d’aiuto: due donne hanno lamentato episodi di intolleranza fisica e psicologia all’interno delle mura domestiche e gli operatori del centro agrigentino sono intervenuti grazie alla collaborazione con le Forze dell’Ordine. “Continuiamo ad auspicare – ha sottolineato Gallo Carrabba – la riscoperta del dialogo e dell’armonia nelle case degli agrigentini. Grazie alla collaborazione con le Forze dell’ordine, abbiamo aiutato una donna a sporgere denuncia e di conseguenza è stata inserita in comunità”.

Anche il Centro antistalking e antiviolenza di Agrigento ha aderito alla campagna mediatica #mascherina1522, lanciata da “Staffetta democratica”, per offrire un aiuto alle vittime attraverso farmacie e altri presidi sanitari.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684