La questione rifiuti ancora in primo piano, ora si procede sul fronte sensibilizzazione - QdS

La questione rifiuti ancora in primo piano, ora si procede sul fronte sensibilizzazione

Pietro Vultaggio

La questione rifiuti ancora in primo piano, ora si procede sul fronte sensibilizzazione

mercoledì 06 Novembre 2019 - 00:00
La questione rifiuti ancora in primo piano, ora si procede sul fronte sensibilizzazione

Al vaglio la realizzazione in zona Ravanusa di un impianto di compostaggio di ultima generazione. Il caso agrigentino è stato trattato nei giorni scorsi anche dalla IV Commissione Ars

AGRIGENTO – Dopo un incontro in IV Commissione Ars è stato inviato il piano di lavoro all’assessorato regionale competente per avviare l’iter autorizzativo al fine di accelerare la realizzazione di un nuovo e moderno impianto di compostaggio nella zona di Ravanusa.

Si tratta di una messa in funzione a digestione anerobica nella zona industriale della città. Nella fattispecie, si intende la degradazione della sostanza organica da parte di microrganismi in condizioni di anaerobiosi. Quindi, un processo differente rispetto al normale compostaggio, che invece è strettamente aerobico. Dopo un tentennamento iniziale sulla tecnologia da scegliere nella redazione progettuale, è stato fatto un notevole passo avanti per superare le criticità presentate.

Sulla questione è intervenuta anche Giusi Savarino, presidente della IV Commissione Ars (Territorio, Ambiente e Mobilità), la quale si è soffermata sui tanti problemi, in tema di rifiuti, che hanno interessato la zona agrigentina e in particolare quella canicattinese. “Ci sono diverse criticità – ha detto – dovute probabilmente sia ad alcune inadempienze contrattuali, sia alla scarsa sensibilizzazione dei cittadini rispetto al tema ambientale. Per questo abbiamo sollecitato il Comune di Canicattì ad attivare tutte le misure necessarie a pretendere una corretta esecuzione del contratto ed a portare avanti progetti di educazione ambientale”.

I casi di noncuranza sono tanti: la gente continua a creare nuove forme d’intolleranze, la più accreditata va contro loro stessi, perché distrugge il posto dove si abita. “È necessario – ha aggiunto la presidente della IV Commissione Ars – che la gente capisca l’importanza del differenziare e i rischi a cui esponiamo noi stessi e i nostri figli nel porre in essere comportamenti vietati dalla legge, come bruciare i rifiuti. Al fine di rassicurare la cittadinanza ed evitare eventuali allarmismi, abbiamo anche sollecitato l’Arpa a istituite un comitato tecnico che focalizzi l’attenzione sul Comune di Canicattì, perché tutto vogliamo per questa terra tranne che passi il messaggio che le produzioni non siano di qualità”.

“Quindi – ha concluso la deputata regionale – è opportuno che si effettuino tutti i controlli necessari a garantire la salubrità dell’ambiente”.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684