Palù (Aifa), AstraZeneca non vietato, suggerito a over 60 - QdS

Palù (Aifa), AstraZeneca non vietato, suggerito a over 60

Web-mp

Palù (Aifa), AstraZeneca non vietato, suggerito a over 60

Web-mp |
domenica 11 Aprile 2021 - 17:06

Il presidente di Aifa, sottolinea che nei confronti del vaccino Astrazeneca "l'approccio è cautelativo, sulla base dei dati". Palù ha spiegato che "l'utilizzo per gli over 60 è solo un'indicazione"

Il vaccino AstraZeneca “non è stato vietato, non è controindicato neanche nei più giovani. Si sottoscrive un consenso informato, e se un 40enne o un 50enne lo vuole fare lo può fare, ovviamente c’è una anamnesi. Non c’è nulla che vieti“.

Così il presidente dell’Agenzia italiana del Farmaco (Aifa), Giorgio Palù a ‘Mezz’ora in più’ di Lucia Annunziata su Rai3.

Quella dai 60 in su è “un suggerimento per una età preferenziale” spiega Palù, e “l’approccio non è né più né meno che quello cautelativo sulla base dei dati che via via si producono”.

Dai 60 ai 70 la vaccinazione è al 12%, lo stesso tra 70 e 80, mentre per over 80 è del 75%. In queste fasce di popolazione, dai 60 in su, spiega Palù, ci sono i soggetti più esposti al rischio Covid.

“Sappiamo che bambini e adolescenti si infettano raramente, dimostrano pochi sintomi, addirittura trasmettono poco e non muoiono, mentre il 65% di mortalità è sugli 80enni.

Quindi al di sotto dei 50 anni il rischio è sotto dell’1% di morire, poi nelle decadi più giovani è ancora meno, 0,01%, mentre dai 60 in su comincia a essere del 3% per salire alla decade 70-80 intorno al 12% fino al 19% di rischio morte negli ultraottantenni”, dice il presidente dell’Aifa.

Sugli over 60 per il vaccino AstraZeneca, l’Italia, ricorda Palù, è in linea con la Germania e la Spagna.

“I francesi hanno adeguato le loro indicazioni dagli over 55, olandesi e paesi nordici hanno bloccato in attesa di ulteriori dati come il Canada e la Corea del Sud”.

Palù ha inoltre sottolineato il fatto che gli studi sono in continuo progresso e “quando si vaccinano milioni di persone” si acquisiscono via via nuovi dati.

Lo vedo che c’è stato un cambio di passoha dichiarato Giorgio Palù, riferendosi al governo Draghi -. Quello che io ho chiamato un ‘combinato disposto’ tra un generale degli alpini, esperto di logistica, che ha subito preso mano con decisione e pragmatismo anch’egli alla crisi e un primo ministro che sappiamo è un esperto di economia, e sa fare i conti, e si è subito accorto della priorità di coprire quegli strati di popolazione, gli anziani, che erano i meno vaccinati.

Quindi in questo senso c’è stato un cambio di passo netto”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684