Formazione, apprendistato per l’industria 4.0, potenziata la filiera - QdS

Formazione, apprendistato per l’industria 4.0, potenziata la filiera

Michele Giuliano

Formazione, apprendistato per l’industria 4.0, potenziata la filiera

venerdì 31 Gennaio 2020 - 07:00
Formazione, apprendistato per l’industria 4.0, potenziata la filiera

Accordo tra assessorato Formazione e Confindustria per favorire l’inserimento di giovani diplomati. Nell’ultimo biennio questa misura ha permesso di attivare in Sicilia mille contratti di apprendistato di primo livello, favorendo l'inserimento lavorativo

PALERMO – La formazione professionale finanziata dalla Regione prova ad avvicinarsi alle aziende, per instaurare un circolo virtuoso di comunicazione e collaborazione tra mondo del lavoro e i giovani preparati che vogliono lavorare con impegno e profitto.

A comunicarlo è lo stesso assessore regionale all’Istruzione e Formazione professionale, Roberto Lagalla: “Ho firmato l’accordo per il potenziamento della filiera formativa in Apprendistato per l’industria 4.0. Uno strumento che già nell’ultimo biennio ha permesso di concretizzare quasi mille contratti di apprendistato di primo livello, favorendo l’inserimento lavorativo di tanti giovani diplomati”.

L’obiettivo dell’amministrazione regionale è di “orientare le risorse verso modelli più rispondenti alle esigenze delle aziende che si rivolgono ad un territorio attualmente in difficoltà ma che mantiene delle potenzialità tali da potersi trasformate in opportunità per i giovani se valorizzate nel modo giusto”.

L’accordo è stato stipulato tra la Regione siciliana, Confindustria Siracusa, l’Università degli Studi di Catania, l’Ufficio Scolastico Regionale della Sicilia X Ambito Territoriale di Siracusa, e Anpal Servizi. Le parti in causa si sono impegnate a favorire la collaborazione tra istituzioni formative e imprese per l’aggiornamento e l’adeguamento dei curricula e delle competenze dei giovani, anche grazie alla diffusione dell’apprendistato “duale”, specialmente per quanto riguarda la progettazione, realizzazione e animazione di percorsi legati alla diffusione dell’innovazione e alla trasformazione digitale.

L’accordo sarà al momento avviato in via sperimentale nell’area industriale della provincia di Siracusa, da monitorare attraverso la costituzione di un tavolo tecnico operativo tra i soggetti coinvolti. Gli attori sociali coinvolti dovranno attivarsi ognuno per le proprie competenze e peculiarità. La Regione siciliana, dalla sua, si impegna a favorire la qualificazione dell’offerta formativa mediante percorsi formativi in apprendistato e a sostenere la promozione e lo sviluppo, nell’ambito dell’autonomia scolastica e nella flessibilità curricolare, delle discipline legate alla digitalizzazione e innovazione dei processi produttivi.

Confindustria Siracusa, invece, si impegna a svolgere un ruolo di promozione delle attività e delle iniziative, nonché di coordinamento tra la rete dei soggetti formativi interessati e le imprese al fine di potenziarne le relazioni. Ancora, l’Università degli Studi di Catania, tramite il ‘Centro Orientamento Formazione & Placement’, si impegna a promuovere lo sviluppo dell’apprendistato della prima e terza tipologia, integrando ed adeguando i piani formativi con l’obiettivo di rispondere sempre di più alle esigenze del mondo imprenditoriale della provincia di Siracusa: l’università, affiancata da partner industriali di primaria importanza, farà ricerca applicata, formazione alle imprese, orientamento e valorizzazione delle competenze, al fine di abbattere quella tradizionale barriera fra mondo accademico e imprenditoriale che ostacola la competitività del sistema paese.

Altro ente coinvolto, I’Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia X Ambito Territoriale di Siracusa, che si impegna a dare ampia diffusione presso gli Istituti di Istruzione secondaria di II grado dei contenuti e degli obiettivi dell’accordo, mentre l’Anpal Servizi si impegna a favorire il raccordo territoriale tra le istituzioni formative e le imprese anche in collaborazione con le agenzie private e pubbliche per I’impiego presenti sul territorio regionale, fornendo servizi di supporto e assistenza.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684