Assicurazioni, boom delle micro polizze - QdS

Assicurazioni, boom delle micro polizze

Marco Carlino

Assicurazioni, boom delle micro polizze

martedì 06 Agosto 2019 - 04:00
Assicurazioni, boom delle micro polizze

L’ultima frontiera per chi vuole tutelarsi da infortuni o incidenti con un clic e un esborso minimo. Si va da quelle per le vacanze a quelle per gli animali. Funzionano tutte tramite app

CATANIA – L’ultima frontiera per chi vuole tutelarsi da infortuni o incidenti è quella del mercato delle micro polizze, delle assicurazioni temporanee, meglio conosciute come istant insurance. Basta un clic e con un esborso minimo sarà possibile tutelarsi ad esempio dal rischio di un volo annullato. Il processo di adesione è totalmente digitale, ed è possibile compiere l’operazione dal proprio pc o dallo smartphone.

Diverse sono le iniziative sviluppate in tema di micro polizze.

Tra le start-up spicca sicuramente Yolo, che ha debuttato sul mercato italiano nel 2017. Essa consiste in un broker assicurativo totalmente digitale che vende polizze gestite da altri. La start-up ha raccolto 7 milioni di euro di finanziamenti ed entro la prima metà del 2020 punta a chiudere un altro round per crescere ulteriormente, anche all’estero. Da registrare anche la presenza in questo settore di Neosurance, che opera con un modello BtoBtoC (business to business to consumer) e di Poleecy, una piattaforma BtoC (business to consumer) di polizze istantanee basata su blockchain.

Ma come funzionano nel dettaglio queste micro polizze? La procedura per sottoscrivere un’assicurazione di tipo temporaneo è facile e rapida. Prima di tutto si scarica l’applicazione, ci si registra e poi è subito possibile consultare l’offerta. Si va dalle polizze temporanee per vacanze, animali o la casa gli «animali» ai beni come dispositivi elettronici ed elettrodomestici.

Scelta la polizza che più soddisfa, l’applicazione guiderà il cliente mediante i vari documenti informativi e verso il pagamento, il pù delle volte tramite PayPal e carte di credito.

Per quanto concerne i costi il tutto dipende dal rischio contro cui ci si vuole tutelare e anche dalla durata dell’assicurazione. Ad esempio il prodotto “Smarthpone & Tablet” di Yolo parte da 2,50 al mese e può essere disattivata quando si desidera, ma varia a seconda del modello di cellulare o tablet che si vuole assicurare, infatti, per un iPhone X si può pagare fino a 9,90 euro al mese mentre per il Huawei Mate 10 il costo è di 4,50 euro.

Esiste poi un altro fenomeno, il cosiddetto modello Netflix: questo grazie all’applicazione “Homeflix”, il servizio di personal assistance per la casa di Zurich Connect in collaborazione con Yolo. La piattaforma propone polizze multirischio, integrate da servizi di assistenza, alcuni compresi e quindi grautiti e altri a pagamento, supportati da una chatbot.

Sono compresi i servizi che riguardano la gestione delle emergenze, come per esempio l’intervento dell’idraulico o dell’elettricista.

Come appunto funziona per Netflix, il pagamento è distribuito su base mensile e si può disattivare, sempre mediante il proprio smartphone, in qualsiasi momento. Insomma, una polizza on demand.

In tema di costi, non è prevista alcuna commissione. Si paga solo il premio mensile, il cui valore varia in base alle esigenze del contraente. Nella fattispecie, ad esempio, il pacchetto “CasaMia”, che riguarda la gestione delle emergenze, (ad es. idraulico ed elettricista) ma anche servizi di conciergerie (ad es. lavanderia a domicilio), ha un costo di 9,04 euro al mese per un appartamento di 70 metri quadri.

Le modalità di pagamento sono le stesse di quelle delle app come Yolo o NeoSurance, ovvero tramite Paypal e carta di credito. Nei prossimi mesi HomeFlix continuerà ad arricchirsi di nuovi servizi, includendo home delivery, baby sitting e servizi di pulizia. Tali servizi saranno progressivamente integrati con IoT e Smart Devices, così da proteggere la casa in maniera ancora più efficiente ed innovativa.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684