Bambini in bici, nei rimorchi più smog dei genitori, come evitarlo - QdS

Bambini in bici, nei rimorchi più smog dei genitori, come evitarlo

web-iz

Bambini in bici, nei rimorchi più smog dei genitori, come evitarlo

web-iz |
venerdì 11 Febbraio 2022 - 16:15

Cattive notizie per i genitori "green". I piccoli trasportati nei rimorchi delle biciclette respirano troppo smog.

I neonati e i bambini trasportati nei rimorchi posteriori delle biciclette respirano aria più inquinata degli adulti che pedalano.

Lo rileva una ricerca dell’Università del Surrey pubblicata su Journal of Hazardous Materials Advances.

I risultati della ricerca

La ricerca è stata condotta nella città di Guildford, in Inghilterra, e si è concentrata su un modello di percorso scuola-casa e ritorno, circa 2 km a tratta. Durante l’andata la concentrazione media di particelle di inquinamento atmosferico registrata nel rimorchio era del 14% superiore a quella registrata all’altezza del ciclista, nel viaggio di rientro pomeridiano saliva al 18% in più.

Come evitare lo smog per i più piccoli

I ricercatori hanno verificato che l’esposizione era ancora più elevata durante gli orari di punta in particolari luoghi, come presso i semafori. Per ridurre l’esposizione dei bambini all’inquinamento, i ricercatori consigliano di trasformare i rimorchi in “cabine”, coprendoli con le apposite capote in materiale plastico. Le coperture per rimorchi hanno infatti dimostrato di ridurre fino al 50% le concentrazioni di particolato fine e fino al 24% quelle di fuliggine, una componente del particolato fine PM2,5.

“È un peccato che le stesse persone che contribuiscono a ridurre al minimo l’inquinamento andando in bicicletta invece che in macchina debbano esporre i propri figli a livelli di inquinamento più elevati. Vorrei incoraggiarli a utilizzare le coperture per i rimorchi quando attraversano zone di traffico intenso, ma è anche fondamentale che chi pianifica il traffico garantisca infrastrutture stradali adatte a consentire un uso sicuro dei mezzi di trasporto sostenibili“, dichiara Prashant Kumar, dell’Università del Surrey, autore dello studio. (ANSA).

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684