Benedetto Mancini: "Voglio Torre del Grifo, c'è un progetto per acquistarlo"

Mancini “gioca” a carte scoperte: “Voglio Torre del Grifo, c’è un progetto per acquistarlo”

Web-al

Mancini “gioca” a carte scoperte: “Voglio Torre del Grifo, c’è un progetto per acquistarlo”

Antonio Licitra  |
venerdì 10 Giugno 2022 - 13:06

Benedetto Mancini, nuovo proprietario del Giarre, è intervenuto ai microfoni di QdS.it. Ecco i progetti e le intenzioni per Torre del Grifo

Dopo la notizia di qualche giorno fa in cui Benedetto Mancini ha acquisito il 100% delle quote del Giarre, diventandone il nuovo proprietario, sono tante le domande che si sono posti i tifosi di Giarre e Catania. Da un eventuale spostamento del titolo ad un’operazione di intralcio per il nuovo bando del Calcio Catania a l’interesse per Torre del Grifo. A rispondere a tutti questi dubbi, è stato lo stesso imprenditore romano a QdS.it.

Qual è il progetto per il nuovo Giarre?

“E’ un progetto importante per un club che vanta una tradizione importante. L’obiettivo è quello di fare una Serie D competitiva, con giocatori importanti, per cercare di andare subito in Serie C. Realizzeremo, inoltre, un’attività importante e capillare per quanto riguarda il settore giovanile sul territorio. Insomma, farò quello che ho sempre detto facendo calcio. Nei giorni scorsi ho sentito tante voci, ma il titolo rimarrà a Giarre”.

Cosa ne sarà dell’F.C Catania?

“Farà attività giovanile e di base. Metterò a disposizione la squadra e la società per fare calcio sul territorio di Catania”.

Torre del Grifo è sempre stato tra i suoi pensieri…

“Non ho acquistato il Giarre per arrivare a Torre del Grifo. A livello imprenditoriale, però, c’è anche un progetto per acquistare Torre del Grifo ma non legato al club gialloblu. Mi presenterò, senza dubbio, ad un eventuale bando per l’acquisizione o la gestione de centro sportivo”.

Da dove deriva l’interesse di acquistare a tutti costi un club della provincia etnea?

“Secondo me, quello etneo, è un territorio che può dare tanto. A mio avviso, manca un progetto importante che coinvolga le attività giovanili e di base. Catania ha un grosso potenziale, anche come logistica, trovandosi in una posizione centrale del Sud Europa e si ha dunque la possibilità di poter interagire con realtà internazionali”.

A Catania c’è ancora tanta rabbia per quanto fatto nei mesi scorsi.

“Avevo preparato tutto per prenderlo. Avevo anche depositato circa trecentocinquantamila euro per acquistare il club. Se non fossi stato realmente interessato non lo avrei fatto. Sono sicuro che il tempo mi darà ragione”.

Si parla di un suo interesse per le terme di Acireale. Cosa ci può dire?

“In questo momento non ho nessun interesse per le terme di Acireale, non ho mai ascoltato nessuno in tal senso, sono qui soltanto per fare calcio”.

Antonio Licitra

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684