Blutec, la crisi di governo blocca la Cassa integrazione - QdS

Blutec, la crisi di governo blocca la Cassa integrazione

redazione

Blutec, la crisi di governo blocca la Cassa integrazione

lunedì 12 Agosto 2019 - 12:23
Blutec, la crisi di governo blocca la Cassa integrazione

Sulla pelle dei lavoratori la decisione del leader leghista Matteo Salvini. Il segretario regionale della Cgil, Mannino, chiede un Consiglio dei ministri straordinario anche per dare una soluzione alla vertenza Almaviva

“La crisi di governo rischia di avere ripercussioni pesanti anche sul mondo del lavoro siciliano: il Consiglio dei ministri avrebbe dovuto approvare la proroga al 31 dicembre della Cassa integrazione straordinaria per 670 lavoratori della Blutec, che da luglio sono senza alcuna protezione sociale. L’impegno è stato preso con i sindacati appena qualche settimana ma ora la misura relativa è bloccata”.

Lo scrive in una nota la Cgil siciliana.

“E lo è – aggiunge – anche il provvedimento per dare il via libera, senza ulteriori oneri per le casse pubbliche, alle stabilizzazioni dei 1.200 precari dei comuni siciliani in dissesto”.

“Le sorti dei lavoratori – dice il segretario generale della Cgil Sicilia, Alfio Mannino – non possono essere ostaggio delle dinamiche e dei giochi della politica. Chiediamo un Consiglio dei ministri straordinario – sottolinea – che dia via libera a questi provvedimenti”.

Il segretario della Cgil Sicilia rileva che “non trovare una soluzione a una questione delicata che riguarda migliaia di famiglie è da irresponsabili . Così si rischia solo di alimentare il disagio sociale – afferma- e la disaffezione verso la politica stessa”.
Mannino aggiunge che “nel tritacarne di una politica che non pensa più agli interessi della collettività stanno finendo tante vertenze in Sicilia, per un totale di oltre 5.000 lavoratori che rischiano di pagare il prezzo della crisi. Un esempio tra tutti, quelli di Almaviva, per i quali è aperta una trattativa che ora rischia lo stop”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684