Canone Rai, Governo Draghi valuta separazione dalla bolletta luce - QdS

Canone Rai, Governo Draghi valuta separazione dalla bolletta luce

web-mp

Canone Rai, Governo Draghi valuta separazione dalla bolletta luce

web-mp |
mercoledì 28 Luglio 2021 - 09:15

Dietro la separazione del canone Rai dalla bolletta elettrica si nasconde uno degli impegni presi dall’Italia e dal governo Draghi con l'Unione Europea nell'ambito del Pnrr

Il Canone Rai fuori dalla bolletta elettrica, questa è l’idea che potrebbe trasformarsi in un’azione concreta del Governo Draghi che in occasione della presentazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) e che potrebbe quindi smontare definitivamente la cosiddetta “Riforma Renzi”.

Si perché, il canone in bolletta fu introdotto dal governo dell’ex premier Matteo Renzi con una una riduzione del canone stesso, dai 113 euro nel 2015 sceso fino a 90 euro di oggi, e che si può pagare in 10 rate mensili da 9 euro. Il veicolo dovrebbe essere il disegno di legge sulla concorrenza, come ha spiegato in anteprima Il Messaggero, atteso in Consiglio dei ministri giovedì 29 luglio.

Se il disegno di legge riuscisse a passare, la “controriforma” del canone Rai avrebbe effetto solo a partire dalla fine del prossimo anno.

Il canone in bolletta, che è disposto nella misura di uno per nucleo familiare, ha fatto aumentare da 16 milioni a 22 milioni il numero degli utenti in linea con il pagamento, come asserito dallo stesso Renzi. Tuttavia l’operazione ha creato anche qualche disguido burocratico. Secondo un report sull’evasione commissionato dal ministero dell’Economia nel 2017, pare che oltre 446mila famiglie che hanno pagato il canone anche senza possedere una televisione,

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684