Caro bollette e incubo benzina, le soluzioni del Governo - QdS

Caro bollette e incubo benzina, le soluzioni del Governo

web-mp

Caro bollette e incubo benzina, le soluzioni del Governo

web-mp |
mercoledì 22 Settembre 2021 - 08:03

Caro bollette. Come si può arginare, se non risolvere del tutto, il problema? L’obiettivo è portare nel Cdm di questo giovedì il decreto su cui si stanno concentrando gli sforzi di Palazzo Chigi, del Mef e del Mite.

Ma è anche la benzina a iniziare a preoccupare.

Il prezzo di un litro di verde è salito a 1,670 euro al litro, ai massimi dal 2014, con un rincaro annuo che le associazioni dei consumatori stimano in oltre 330 euro. Rialzi che rischiano di provocare un effetto valanga su gran parte della spesa.

Il prezzo dell’elettricità alla Borsa elettrica, uno degli indici dell’andamento successivo dei prezzi al consumo, e quindi proprio delle bollette, è salito ancora, tra il 13 e il 19 settembre, di oltre il 17%, portandosi a 163 euro a MW/h.

La corsa contro il tempo del Governo, ecco le possibili soluzioni

In primis, bisogna calcolare le risorse necessarie e si deve anche decidere quale sia l’opzione o la serie di opzioni più percorribili per evitare che, nell’ultima coda dell’anno, le impennate di luce e gas si trasferiscano su famiglie e imprese.

Il tempo a disposizione, appunto, è poco e la scadenza è il prossimo 30 settembre, visto che gli aggiornamenti dell’Autorità per l’energia scattano come di consueto il primo ottobre.

La mossa, anzi le mosse del Governo potrebbero essere: nell’immediato con il dl e poi nella legge di bilancio, con una revisione più sistematica della costruzione della bolletta ed in particolare degli oneri di sistema.

Quello che preoccupa, insieme al caro bollette, è il rincaro della benzina rischia, secondo la Coldiretti, di provocare un effetto valanga su gran parte della spesa, che viaggia per l’85% su strada.

Il problema ha nel frattempo assunto rilevanza internazionale, arrivando alla ribalta in tutti i Paesi europei. Nel Regno Unito si parla di vera e propria crisi del gas, mentre in Spagna il segretario di Stato per gli Affari europei, Juan Gonzalez Barba Pera, ha chiesto un approfondimento al prossimo vertice dei leader Ue, il 21 e 22 ottobre.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684