Caro gasolio, marinerie siciliane in ginocchio: l'allarme di Flai Cgil - QdS

Caro gasolio, marinerie siciliane in ginocchio: l’allarme di Flai Cgil

webms

Caro gasolio, marinerie siciliane in ginocchio: l’allarme di Flai Cgil

webms |
mercoledì 01 Giugno 2022 - 12:46

Le marinerie siciliane rischiano una crisi senza precedenti senza ammortizzatori sociali adeguati e una riduzione dei costi del carburante.

Il caro gasolio continua e le marinerie siciliane, in difficoltà, iniziano a protestare. Sulla vicenda si è espresso Tonino Russo, segretario generale della Flai Cgil Sicilia.

“Anche i lavoratori sono penalizzati a causa di un sistema di retribuzione cosiddetto ‘alla parte’, con una parte fissa e una variabile. I costi del carburante gravano anche su di loro e sul loro guadagno”.

Non solo caro gasolio: i problemi per le marinerie siciliane

Il problema delle marinerie in Sicilia non si limita al caro gasolio e ai rincari per l’acquisto di carburanti. C’è anche la questione degli ammortizzatori sociali per il settore, che sembrano essere poco adeguati ad aiutare gli addetti del settore pesca a reagire alla crisi determinata dal Covid prima e dalla guerra in Ucraina dopo.

Russo conferma che gli ammortizzatori sociali, “benché previsti per legge, non sono ancora attuati” e “le due cose (il caro carburante e l’assenza di ammortizzatori, ndr), unite al fatto che il fermo pesca per il 2021 non è stato ancora erogato, stanno mettendo in ginocchio la categoria”.

Associazioni di categoria e sindacati hanno inviato richieste al Governo e ottenuto l’apertura di un tavolo nazionale di crisi al Ministero competente.

Tra le richieste, quella di supportare l’inserimento delle marinerie del Mediterraneo tra i settori costretti al “fermo bellico“. Le marinerie attendono anche gli indennizzi per il caro energia e l’estensione del credito d’imposta per il secondo trimestre 2022.

In materia di welfare, le associazioni chiedono per le marinerie siciliane norme per la piena esigibilità della cassa integrazione e la proroga delle scadenze fiscali, ma anche un adeguato sostegno al reddito per i lavoratori e l’erogazione del fermo pesca 2021.

“L’auspicio è che tutte le richieste vengano accolte, dando al settore una boccata di ossigeno“, conclude Russo.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684