Caro scuola, circa 470 € per libri e dizionari - QdS

Caro scuola, circa 470 € per libri e dizionari

Serena Giovanna Grasso

Caro scuola, circa 470 € per libri e dizionari

martedì 03 Settembre 2019 - 02:00
Caro scuola, circa 470 € per libri e dizionari

Federconsumatori: “Costi proibitivi. Predisporre sostegni nei confronti delle famiglie meno abbienti”. Il costo dei testi è aumentato del 3%, quello del “corredo scolastico” tocca il +1,3%

PALERMO – Mancano ormai pochi giorni al suono della campanella. In Sicilia l’inizio della scuola è fissato per il prossimo 12 settembre e già sono iniziati i preparativi. Dai più grandi ai più piccoli, in moltissimi già stanno pensando ad acquistare il “corredo scolastico”: zaino, astuccio con colori, quaderni e chi più ne ha e più ne metta. Secondo il monitoraggio condotto dall’osservatorio nazionale di Federconsumatori, i costi degli articoli da acquistare hanno subito rincari rispetto all’anno scorso (aumenti medi al +1,3%).

Come sempre, particolarmente gravosi risultano essere i costi per i libri di testo che, naturalmente, incidono in misura più consistente nelle prime classi: infatti, per acquistare i libri e due dizionari si spenderanno mediamente 470,55 euro per ogni ragazzo, con un incremento pari al 3%, rispetto all’anno scorso i costi sono tornati a crescere dopo la lieve flessione registrata nei due anni precedenti.

Il calcolo, effettuato prendendo in considerazione le diverse classi delle scuole medie inferiori, licei ed istituti tecnici, si riferisce all’acquisto di libri nuovi: nel dettaglio, è pari a 438,50 euro per uno studente di prima media che acquisterà i libri di testo e due dizionari (+2,3% rispetto allo scorso anno) e 668,20 euro per un ragazzo di primo liceo che acquisterà i libri di testo e quattro dizionari (il 2,5% in più rispetto allo scorso anno). Se, invece, si opta per l’usato, si riesce a risparmiare fino al 33%.

Spostandoci all’analisi dei costi del “corredo scolastico” in senso stretto, emergono valori superiori quando ci si reca in cartolibreria, rispetto a quando si acquista negli iper e nei supermercati. Nella classifica degli aumenti, quest’anno il primo posto spetta agli astucci legati ai beniamini dei cartoni animati (12,90 nei supermercati e 16,50 euro nelle cartolibrerie) ed ai diari di marca (rispettivamente 15,20 euro e 16,90 euro), con rincari rispettivamente pari al +3% e +4%.

Incide in modo significativo anche l’acquisto dello zaino: infatti, per lo zaino dei cartoni si spendono 59 euro se acquistato all’ipermercato e 69,90 euro quando ci si reca in cartolibreria (si sale rispettivamente a 67,90 euro e 75,90 euro se si tratta di uno zaino-trolley), se, invece, si tratta di un generico zaino di marca si spendono in ordine 69,90 euro e 81 euro (anche in questo caso, i prezzi lievitano quando si sceglie uno zaino-trolley, rispettivamente 72,90 euro e 94,50 euro). Prezzi importanti riguardano anche l’acquisto dello zaino per l’asilo (rispettivamente 24 euro e 31,50 euro).

Naturalmente, a questi costi è necessario aggiungere quelli per i “ricambi”: in particolare, si spendono tra i 2 euro e 2,50 euro per l’acquisto di un quadernone (in questo caso, i prezzi rimangono costanti rispetto all’anno precedente) e tra i 6,70 euro e i 9,90 euro per l’acquisto di dodici matite colorate (rispettivamente +3% e +4%).

Complessivamente, si raggiungono importi spesso improponibili per le famiglie. “Le conseguenze della povertà e del disagio sociale – afferma Emilio Viafora, presidente di Federconsumatori – non devono compromettere in alcun modo il diritto allo studio, per questo è fondamentale predisporre sostegni mirati per tutelare i ragazzi e garantire loro un futuro. Da tali dati appare evidente la necessità di potenziare le agevolazioni per l’acquisto dei testi scolastici destinate alle famiglie meno abbienti”.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684