Caso Amara, l'avvocato siracusano si confessa in televisione - QdS

Caso Amara, l’avvocato siracusano si confessa in televisione

redazione web

Caso Amara, l’avvocato siracusano si confessa in televisione

venerdì 28 Maggio 2021 - 06:15

Durante un'intervista il legale ha spiegato com'è maturata la "forte convinzione a collaborare con la giustizia" e affermato di aver riferito fatti che poteva dimostrare affidandosi al pm Storari

Una vera confessione quella rilasciata ieri sera dall’avvocato siracusano Piero Amara a Piazza Pulita su La 7.

“Io vengo arrestato – ha ricordato – nel febbraio del 2018, mi venivano contestati due episodi di corruzione, sono stato ristretto per circa cinque mesi, poi ho avuto un periodo di domiciliari, quello è stato un periodo di grande riflessione. Ho maturato la forte determinata e decisa convinzione di collaborare con l’autorità giudiziaria”.

Il legale che ha scatenato la bufera sulla magistratura parlando della presunta loggia Ungheria, ha detto di aver “riferito una serie di circostanze per le quali non ero nemmeno indagato”.

“Avrei potuto limitarmi – ha aggiunto – a confessare le ipotesi di reato che mi erano contestate, ma sono andato avanti. E a chi dice che sono andato a collaborare a Milano per avere uno sconto di pena, ricordo che avevo già patteggiato a Roma e Messina”.

“Ho cercato di limitare la mia deposizione – ha poi spiegato – ai fatti di cui ero assolutamento certo. Ho cominciato a parlare della loggia Ungheria perché la Procura di Milano trovò un file all’interno di un computer nella mia disponibilità in cui si raccomandava la posizione di magistrati o funzionari che avevano esigenze di varia natura”.

Nel dicembre del 2019 Amara cominciò a verbalizzare: “Cercavo di limitarmi a riferire fatti rispetto ai quali ero certo di un tema probatorio, che potevo dimostrare. Mi sono totalmente affidato al dottor Storari”, ossia il pm di Milano che poi, visto che il Procuratore capo non faceva partire l’inchiesta, passò l’incartamento a Piercamillo Davigo, allora componente del Csm.

“Nel momento in cui ho cominciato a rendere dichiarazioni al dottor Storari – ha quindi affermato Amara -, mi sono posto io il problema dell’esigenza dei riscontri. Per un certo periodo è stato facile acquisire delle registrazioni, degli audio, tra i soggetti, alcuni dei quali ora dicono che non mi conoscono”.

“Viene rinvenuto il file – ha concluso – si comincia a discutere dell’associazione Ungheria, e dopo avere reso queste dichiarazioni ho cercato di ricostruire dei fatti a mia tutela”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684