Rissa e sparatoria al Porto di Catania: Questore chiude una discoteca - QdS

Rissa e sparatoria al Porto di Catania: Questore chiude una discoteca

web-mp

Rissa e sparatoria al Porto di Catania: Questore chiude una discoteca

web-mp |
domenica 24 Aprile 2022 - 10:15

Il questore di Catania ha sospeso per 15 giorni l’attività della discoteca, dopo che un giovane è stato ferito con colpi d’arma da fuoco. La sparatoria nella zona del porto

A seguito dei gravi fatti accaduti, la notte dello scorso 21 aprile, nella zona del Porto nelle immediate adiacenze di una nota discoteca e durante i quali sono stati esplosi alcuni colpi di arma da fuoco che hanno attinto un giovane agli arti inferiori, il Questore di Catania ha adottato un provvedimento di applicazione dell’art.100 Testo Unico Pubblica Sicurezza nei confronti del titolare del locale.

Chiusura del locale per quindici giorni

Tale provvedimento comporta la sospensione delle autorizzazioni per la gestione dell’attività della discoteca per la durata di quindici giorni.

Una lite iniziata dentro il locale poi degenerata fuori dalla discoteca

Il fatto delittuoso, al centro di serrate indagini in corso da parte della Squadra Mobile, coordinate dalla Procura della Repubblica di Catania, sarebbe scaturito da una lite iniziata all’interno del locale poi degenerata all’esterno della discoteca; la medesima discoteca era già stata luogo di un intervento delle Volanti, sempre su segnalazione di un’aggressione, lo scorso 17 aprile.

Anche in tale occasione si rese necessario l’intervento di personale sanitario del 118 per soccorrere un giovane che riportò lievi ferite al capo dopo essere stato aggredito, per futili motivi, con calci e pugni.

Tra i frequentatori del locali, alcuni pregiudicati

Tali accadimenti, secondo il provvedimento del Questore, hanno evidenziato un grave pericolo per l’ordine e la sicurezza pubblica, in rapporto allo svolgimento della vita di relazione e che suscitano allarme sociale, atteso, inoltre, che tra i frequentatori del locale, quella notte, sono stati identificati anche alcuni pregiudicati.

Da ciò la necessità di adottare il provvedimento in argomento per porre un freno al grave nocumento per la sicurezza pubblica.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684