Centro riabilitativo Morgagni Check Point di Catania, il paziente come protagonista del percorso di cura - QdS

Centro riabilitativo Morgagni Check Point di Catania, il paziente come protagonista del percorso di cura

redazione

Centro riabilitativo Morgagni Check Point di Catania, il paziente come protagonista del percorso di cura

martedì 29 Marzo 2022 - 09:38

Idrokinesiterapia e percorsi di cura post-Covid 19 ma anche prestazioni wellness

Comunicazione istituzionale

Il centro riabilitativo Morgagni Check Point di Catania è una struttura all’avanguardia, attiva dallo scorso settembre 2019, realizzata con lo scopo di accompagnare il paziente durante tutto il suo cammino di cura. Si comincia, infatti, dalla visita fisiatrica che permette una valutazione accurata della patologia da trattare, in modo da stabilire un percorso riabilitativo totalmente individualizzato.

I servizi offerti sono molteplici e coniugano le procedure di cura e riabilitazione e le pratiche legate al wellness, al fine di raggiungere e mantenere lo stato di salute riconquistato. I pazienti presi in carico accedono ai trattamenti proposti dal centro su indicazione del proprio medico, in quanto la struttura è convenzionata con il Ssn per le prestazioni Dh riabilitativo, oppure in totale autonomia. È inoltre possibile rivolgersi al personale sanitario attivo in struttura per richiedere l’accesso alle visite fisiatriche finalizzate al rilascio delle certificazioni di invalidità con scale di autonomia funzionale.

L’idrokinesiterapia il fiore all’occhiello

Una volta stabilita la diagnosi, il team di fisioterapisti individua un piano di riabilitazione da attuarsi sia nelle palestre dotate di strumentazione ad hoc che nella piscina attrezzata per idrokinesiterapia. Quest’ultima tecnica costituisce il fiore all’occhiello dell’Unità funzionale riabilitativa del Morgagni Check Point. L’idrokinesiterapia, infatti, prevede l’ausilio dell’acqua a scopo terapeutico in un ambiente favorevole che permette di attivare i processi metabolici, migliorare la motilità muscolare e ridurre il dolore. È una tecnica particolarmente indicata sia per le patologie di ambito ortopedico che neurologico e vascolare. Il tutto è favorito dalla temperatura dell’acqua delle piscine che si aggira intorno ai 34 gradi che, in congiunzione con le attività e il lavoro messo in atto dal fisioterapista specializzato, permette di ridurre la rigidità muscolare e, di conseguenza, di recuperare il range of motion (Rom) in tempi notevolmente ridotti rispetto alle classiche tecniche riabilitative. Il percorso include anche la possibilità di fruire di ricoveri in formula Day hospital, anch’essi in convenzione con il Ssn.

La riabilitazione post Covid

Uno dei progetti più innovativi proposti dal centro Morgagni Check Point riguarda la riabilitazione post Covid-19, volta al trattamento delle complicazioni connesse alla malattia, non solo per coloro che sono stati ricoverati in terapia intensiva ma anche per tutti i soggetti non ospedalizzati. Non di rado, infatti, i sintomi connessi alla fase post-acuta del virus non riguardano solo la componente respiratoria ma si presentano sotto forma di disabilità motorie, muscolari, neurologiche, cognitive e cardiologiche. Si tratta di scompensi che influiscono sulle normali funzionalità e che rischiano di compromettere l’autonomia e la qualità della vita.

Il paziente introdotto al percorso di cura post-Covid viene dunque sottoposto ad un programma tagliato su misura, in base alle patologie riscontrate e alle sue personali esigenze. Il tutto avviene in seguito alla valutazione diagnostica svolta da un’equipe multidisciplinare di medici specialisti, quali pneumologi, fisiatri ed endocrinologi e con la costante attenzione dei professionisti coinvolti nel percorso quali fisioterapisti, infermieri e psicologi. Oltre a quanto indicato, viene offerta anche una consulenza psicologica iniziale in quanto, spesso, i soggetti che hanno contratto il virus subiscono ripercussioni non solo fisiche ma anche connesse alla sfera emotiva. Lo scopo primario della riabilitazione post Covid è quello di permettere ai pazienti sia di recuperare al meglio la funzionalità respiratoria che di combattere tutti gli esiti negativi conseguenti all’allettamento, come ad esempio il depotenziamento muscolare, ma anche prevenire tutte le possibili complicanze connesse alla malattia.

Il centro riabilitativo Morgagni Check Point, inoltre, gode di un’ampia gamma di prestazioni che includono la riabilitazione del pavimento pelvico e attività legate al wellness. È possibile, infatti, accedere alle piscine in cui si può svolgere nuoto libero (proprio nella struttura si allenano anche gli altleti paralimpici) oppure partecipare ai percorsi di scuola nuoto, perfezionamento adulti, acquapilates, idrobike, water circuit e, infine, nuoto neonatale dedicato ai più piccoli e alle gestanti.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684