Napoli, travolto e ucciso sul marciapiedi: morto il piccolo Christian Carezza

Travolto e ucciso mentre si trova sul marciapiedi con la mamma: morto a 3 anni il piccolo Christian

webms

Travolto e ucciso mentre si trova sul marciapiedi con la mamma: morto a 3 anni il piccolo Christian

webms |
domenica 26 Giugno 2022 - 19:18

Una storia che ha sconvolto un'intera comunità: rimane da chiarire la dinamica del tragico incidente che ha ucciso il piccolo Christian, travolto mentre passeggiava con la mamma.

Dolore a Fuorigrotta, a Napoli, dove ieri pomeriggio – intorno alle 12 – il piccolo Christian Carezza è morto in seguito a un terribile incidente stradale in via Marco Polo. La madre del piccolo, coinvolta a sua volta nel sinistro, avrebbe riportato delle ferite ma avrebbe comunque deciso di lasciare l’ospedale nelle scorse ore per occuparsi degli altri figli e partecipare all’ultimo saluto del figlio.

Sono in corso le indagini di rito sull’incidente.

L’incidente e la morte del piccolo Christian Carezza

L’incidente è avvenuto intorno alle ore 12 di ieri. Secondo una prima ricostruzione, il piccolo Christian Carezza – di appena 3 anni – sarebbe stato investito da un’auto fuori controllo mentre passeggiava con la madre sul marciapiedi. Non si esclude che il conducente abbia perso il controllo del veicolo, per cause da confermare, e che per questa ragione sia finito sul marciapiedi.

Sul posto, per i rilievi di rito, sono intervenuti gli agenti della sezione Infortunistica locale e della Questura di Napoli. Purtroppo per il piccolo non c’è stato nulla da fare. La madre, invece, avrebbe riportato delle fratture.

Le indagini e l’aggressione al conducente dell’auto “impazzita”

In seguito all’incidente, il conducente del veicolo si sarebbe fermato per prestare soccorso e, in più, avrebbe riportato delle ferite. Tuttavia, l’uomo – un 51enne senza precedenti – avrebbe rischiato il linciaggio da parte di alcuni testimoni.

A salvarlo dall’aggressione gli agenti di polizia, che lo hanno accompagnato all’ospedale Cardarelli per ricevere le cure del caso. La sua posizione, al momento, resta al vaglio degli inquirenti. L’uomo verrà sottoposto, come previsto in casi simili, ai test per verificare eventuale assunzione di alcol o droga prima del tragico evento.

Fonte immagine: Ansa

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684