Compagnia Zappalà, successo a Belgrado con spettacolo su S. Agata - QdS

Compagnia Zappalà, successo a Belgrado con spettacolo su S. Agata

web-iz

Compagnia Zappalà, successo a Belgrado con spettacolo su S. Agata

web-iz |
venerdì 26 Marzo 2021 - 11:05

La Compagnia Zappalà ha portato al Madlenianum di Belgrado uno spettacolo ispirato alla Festa di Sant'Agata. Per denunciare però gli eccessi e l'arroganza di alcuni devoti.

Successo a Belgrado della Compagnia Zappalà Danza di Catania, che in serata ha presentato lo spettacolo ‘A semu tutti devoti tutti?’ nell’ambito del Festival internazionale della danza, tradizionale appuntamento di primavera nella capitale serba.

Roberto Zappalà: “Uno spettacolo sul rapporto tra popolo e festa”

Una rappresentazione forte e originale che trae ispirazione dalla Festa di Sant’Agata patrona di Catania, un appuntamento molto atteso e che a inizio febbraio attrae nella città etnea decine di migliaia di persone. La processione con la statua della santa è il momento centrale della festa, che vive una lunga attesa in un crescendo che si scioglie nel cuore della notte, o addirittura all’alba, con il tradizionale canto delle suore di clausura.

“Molti pensano che lo spettacolo sia il racconto di una festa. Ma non è così, Noi non raccontiamo la festa ma ci concentriamo sul rapporto che la gente e il popolo ha nei confronti della festa“, ha detto Roberto Zappalà, direttore e coreografo della compagnia.

Gli eccessi dei “devoti”

Presentando alla vigilia lo spettacolo alla stampa, l’artista ha sottolineato come esso voglia mettere l’accento su “tutti gli eccessi, tutte le forme di arroganza presenti in quella festa”, compresi “atteggiamenti mafiosi e l’invadenza dei corpi pur di conquistare il proprio spazio a scapito degli altri“. E la stessa Sant’Agata, unica donna in scena dove appare completamente nuda, si pone come puro oggetto di possesso, lasciando da parte l’aspetto religioso.

Straordinari gli artisti in scena, capaci di rendere al meglio con il loro volteggiare la frenesia della festa, forti e suggestive le scelte musicali e gli effetti luminosi. Il pubblico ha applaudito a lungo la performance, che si è tenuta al teatro Madlenianum di Belgrado, nel rispetto di tutte le misure di prevenzione anticovid – mascherine, distanziamento, sanificazione e igiene delle mani.

Pressioni e minacce per fermare lo spettacolo

Per le sue denunce dei soprusi e dei ricatti che i notabili mafiosi locali attuano di regola in occasione della Festa di Sant’Agata, Zappalà ha detto di avere ricevuto pressioni e minacce. Il Festival internazionale della danza di Belgrado, a causa dei problemi e delle limitazioni legate alla pandemia, si tiene in forma ridotta e con date che spesso cambiano per rinunce e disdette. Ma Aja Jung, ispiratrice e direttrice della rassegna, non ha voluto rinunciare alla kermesse, che andrà avanti fino a metà aprile, con una appendice in autunno.

Tag:

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001