Cooperativa sociale “La Genziana” chiede aiuto agli Enti competenti per il dilagare dei contagi da Coronavirus tra ospiti e dipendenti - QdS

Cooperativa sociale “La Genziana” chiede aiuto agli Enti competenti per il dilagare dei contagi da Coronavirus tra ospiti e dipendenti

redazione

Cooperativa sociale “La Genziana” chiede aiuto agli Enti competenti per il dilagare dei contagi da Coronavirus tra ospiti e dipendenti

venerdì 27 Novembre 2020 - 00:00
Cooperativa sociale “La Genziana” chiede aiuto agli Enti competenti per il dilagare dei contagi da Coronavirus tra ospiti e dipendenti

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di Ennio Stanganelli, presidente del Consiglio di amministrazione e rappresentante legale della Cooperativa sociale “La Genziana” di Catania

Caro Direttore,

La Cooperativa da me amministrata ha un livello occupazionale complessivo medio di circa 24 dipendenti, oltre i collaboratori esterni, ed accogliamo ospitando mediamente 50 persone in età avanzata, bisognose di assistenza, spesso continua, per provvedere alle esigenze essenziali della vita.

Sin dall’insorgere dell’epidemia Covid-19, sono state adottate presso la struttura tutte le misure per prevenire, ed eventualmente arginare il diffondersi della pandemia. Malgrado l’attenzione prestata alla problematica, purtroppo ci si trova ad avere circa 18 lavoratori assenti per malattia (Covid-19), e quindi al momento ne restano in servizio solo sei, oltre tre nuove unità assunte per l’occasione in questo momento.

Gli Ospiti che residuano presso la struttura sono 48 di cui all’incirca 30 positivi al Covid-19, a cui vengono apprestate le cure necessarie con le risorse aziendali in atto esistenti. In considerazione di quanto detto, che rappresenta problematica grave e pericolosa, si chiede agli Enti in indirizzo, (Usca, Asp e Prefettura di Catania, ciascuno per la propria competenza), di fornirmi, in termini di estrema rapidità ed urgenza, un’attività di consulenza ed assistenza, nonché quant’altro possa risultare utile ed opportuno per fronteggiare anche dal punto di vista operativo, il grave stato di crisi venuto a verificarsi.

Si confida nella risposta operativa degli Uffici che con la presente vengono interessati.

Ennio Stanganelli
Catania

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684