Coronavirus, piccoli lockdown locali nei Comuni sardi - QdS

Coronavirus, piccoli lockdown locali nei Comuni sardi

redazione web

Coronavirus, piccoli lockdown locali nei Comuni sardi

lunedì 28 Settembre 2020 - 00:01
Coronavirus, piccoli lockdown locali nei Comuni sardi

Nel Paese numero di contagi stabile, scende la quantità dei tamponi. Dal bollettino del ministero della Salute emerge che ieri si sono registrati 1.766 nuovi casi a fronte del 1.869 del giorno precedente. Il viceministro della Salute Sileri, da noi l'aumento è molto lento rispetto al resto dell'Europa

Per il viceministro della Salute Roberto Sileri “in Italia i casi di Covid aumentano molto lentamente e la nostra situazione è migliore rispetto agli altri paesi europei”.

“Il sistema non è sotto pressione”, assicura l’esponente M5S. E i numeri sembrano dargli ragione – ieri i contagi sono rimasti sotto quota 1.800, ma con circa 17 mila tamponi in meno di ieri, e 17 vittime come il giorno precedente.

Eppure si affacciano alla ribata le chiusure a livello locale, piccoli lockdown come in alcuni paesi del Nuorese, in Sardegna.

Intanto il governatore siciliano Musumeci impone le mascherine dappertutto e come il presidente della Campania Vincenzo De Luca, che ha minacciato una quarantena generalizzata se la curva continuerà a salire, impone test obbligatorio per chi torna dall’estero.

Dal bollettino del ministero della Salute emerge che ieri si sono registrati 1.766 nuovi casi a fronte del 1.869 del giorno precedente.

I morti di coronavirus sono un totale di 35.835.

Il numero complessivo dei contagiati, comprese vittime e guariti, sale a 309.870.

Solo la Valle d’Aosta fa registrare zero nuovi casi.

Gli attualmente positivi sono 1.025 in più rispetto a ieri, i dimessi e guariti 724 in più.

I pazienti in terapia intensiva sono 7 in più per un totale di 254 (secondo il viceministro Sileri però anche i ricoveri in rianimazione “aumentano molto lentamente, sono ancora pochi”).

I ricoverati con sintomi salgono a 2.846 (+100), le persone in isolamento domiciliare sono ora 46.518 (+918).

Tra le regioni con nuovi casi in testa la Campania con 245, poi la Lombardia 216, quindi il Lazio 181, spicca la Sardegna che ne fa registrare 139 in più.

E proprio nell’isola, passata da Covid free virtuale all’estate angosciosa dei positivi della movida, si susseguono le chiusure a livello locale. Dopo Orune, il paese di 2.300 abitanti in semi-lockdown per l’impennata di infetti, nel Nuorese ora a preoccupare è Gavoi, comune poco più grande, che oggi registra 12 nuovi positivi, che diventano complessivamente 27.

Troppi per il sindaco Giovanni Cugusi che ha postato su Facebook le sue raccomandazioni ai cittadini prospettando la possibilità di un semi-lockdown. Sarebbe il terzo comune in Sardegna a subire pesanti restrizioni: oltre a Orune, c’è Aidomaggiore nell’Oristanese che ha subito una chiusura totale.

Intanto sul fronte del vaccino potrebbe esserci la Borsa nel futuro della Irbm, l’azienda italiana che sta sviluppando il rimedio anti-Covid insieme con l’Istituto Jenner dell’Università di Oxford e all’azienda farmaceutica britannica Astra Zeneca: Una quotazione a Piazza Affari?

“Perché no?”, dice al settimanale Il Riformista Economia l’amministratore delegato Piero Di Lorenzo, secondo quanto anticipato.

“Stanno arrivando tante proposte di partnership, ci sono grandi aziende che vorrebbero entrare nel capitale. In molti si interessano a noi in tutto il mondo, e non escludo alcuna opzione”, aggiunge il manager, ma se ne parlerà solo a vaccino approvato: Se non ci saranno intoppi il vaccino sarà pronto entro fine novembre.

Quanto al numero di dosi disponibili, “ne abbiamo già prodotte decine di migliaia per la sperimentazione, e siamo in grado di produrne dieci milioni l’anno nel nostro stabilimento di Pomezia – afferma Di Lorento -. Ho promesso al presidente di Astra Zeneca e al ministro della Salute Roberto Speranza che lo faremo, se servirà”.

Al sospetto che i tempi del vaccino vengano troppo abbreviati l’Ad di Irbm risponde così: “Vengono tagliati quelli tecnici, mai quelli della sperimentazione scientifica”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684