Corte dei Conti “Necessarie norme scritte in modo chiaro” - QdS

Corte dei Conti “Necessarie norme scritte in modo chiaro”

Raffaella Pessina

Corte dei Conti “Necessarie norme scritte in modo chiaro”

giovedì 21 Novembre 2019 - 07:30
Corte dei Conti “Necessarie norme  scritte in modo chiaro”

Il presidente Angelo Buscema. “Il paradosso è che maggiori controlli, anche preventivi, sono richiesti da imprese e amministrazioni, per dare garanzia ai loro procedimenti”

ROMA – Il presidente della Corte dei Conti, Angelo Buscema, lancia un appello perchè il sistema legislativo arrivi ad utilizzare leggi più chiare e facili da interpretare. Nel suo intervento per i 130 anni dall’Istituzione della Quarta Sezione del Consiglio di Stato, Buscema ha posto l’accento sulla necessità di leggi chiare e trasparenti.

“Qualche giorno fa, in Parlamento – ha detto Buscema – ho commentato i dati sulla spesa per investimenti degli enti locali nel 2019 che presenta dati di significativa crescita. I controlli esercitati dalla Corte dei conti hanno prodotto oltre 2.400 pronunce, delle quali 740 per grave irregolarità. Inoltre, sono stati rilasciati dalle sezioni regionali di controllo circa 380 pareri richiesti dalle amministrazioni territoriali. Sono i controlli che frenano la spesa? Oppure sono necessarie buone norme, scritte bene, in modo chiaro e con strumenti ben definiti per produrre buoni risultati? Sono i troppi controlli che frenano gli investimenti in opere pubbliche delle amministrazioni centrali dello Stato?”.

Buscema ha ribadito che un sistema con meno controlli non è più efficiente o più sicuro. “Il paradosso – ha osservato Buscema – è che una maggiore presenza di controlli, anche preventivi, ci viene richiesta da imprese e amministrazioni, per dare garanzia ai loro procedimenti” (…) è comunque auspicabile che i controlli siano resi più organici. La Corte dei conti non chiede alcuna estensione di poteri di controllo, che le sono attribuiti dalla Costituzione, dalle leggi, da una ricca e chiara giurisprudenza della Corte costituzionale. Ma è pronta a corrispondere alle richieste delle istituzioni e della società civile. Operiamo con competenza e orgoglio in una sola direzione, l’interesse dei cittadini, l’interesse dell’Italia”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684