Covid, utilizzo di cellule staminali per inibire l'infiammazione - QdS

Covid, utilizzo di cellule staminali per inibire l’infiammazione

web-dr

Covid, utilizzo di cellule staminali per inibire l’infiammazione

web-dr |
martedì 26 Gennaio 2021 - 15:54

E ' l'obiettivo dello studio Rescat, che partirà tra pochi giorni sotto il coordinamento dell'Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena con l'Università di Modena e Reggio Emilia.

Trattare i pazienti con polmonite da Covid-19 con l’infusione di cellule staminali che inibiscono l’infiammazione: è l’obiettivo dello studio Rescat, che partirà tra pochi giorni sotto il coordinamento dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena con l’Università di Modena e Reggio Emilia.

Saranno coinvolti nella sperimentazione anche gli ospedali Meyer e Careggi di Firenze, il Policlinico di Milano, l’ospedale San Gerardo di Monza con la Fondazione Centro di ricerca Tettamanti e l’Università Bicocca, l’Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona, l’Azienda Ospedaliera di Vicenza, l’Istituto Mario Negri di Milano e la Fondazione Centro di ricerca Tettamanti.

Le cellule adoperate sono chiamate stromali mesenchimali e producono fattori antinfiammatori che sembrano contrastare il meccanismo alla base del danno d’organo indotto dal virus.

Rescat è il primo studio in Italia che utilizza questo tipo di cellule in una sperimentazione clinica per pazienti positivi al SarsCov2 e ed è il primo al mondo che confronta staminali stromali mesenchimali da cordone ombelicale, tessuto adiposo e midollo osseo in un’unica sperimentazione.

“L’obiettivo è verificare come queste cellule, andando ad agire sulla reazione infiammatoria dell’organismo causata dal virus, possono contrastare la tempesta di citochine che compromette la funzione degli organi vitali”, spiega Giovanna D’Amico, del Centro Tettamanti.

Gli studi cinesi pubblicati durante la pandemia su pazienti affetti da Covid-19 hanno mostrato l’assenza di reazioni allergiche, di infezioni secondarie o eventi avversi. In pochi giorni è stato osservato un miglioramento dell’ossigenazione, un calo dei livelli di molecole infiammatorie e un miglioramento del quadro clinico. Le infusioni di terapia cellulare verranno fatte a 5 giorni l’una dall’altra in 60 pazienti con polmonite severa da Covid ricoverati in terapie intensive e semintensive.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684