Vaccino Covid, terza dose, "Valutare monoclonali come alternativa " - QdS

Vaccino Covid, terza dose, “Valutare monoclonali come alternativa “

web-iz

Vaccino Covid, terza dose, “Valutare monoclonali come alternativa “

web-iz |
mercoledì 11 Agosto 2021 - 16:56

Secondo il virologo Francesco Menichetti, la terza dose di vaccino sarebbe un "salto nel buio", viste le nuove varianti. Ma sarebbe da valutare l'alternativa degli anticorpi monoclonali.

“La terza dose di vaccino anti Covid è un salto nel buio perché non si sa se usare lo stesso preparato vaccinale, e probabilmente ci sarebbe bisogno di usare un altro preparato vaccinale” con gli aggiornamenti sulle varianti, “non si sa qual è la situazione immunitaria di chi si è vaccinato e chi ha già avuto un decadimento degli anticorpi”. Lo dice all’Adnkronos Salute il virologo Francesco Menichetti, primario di Malattie infettive all’ospedale di Pisa sull’ipotesi di un richiamo del vaccino per gli immunizzati.

“Sicuramente valutare persona per persona è molto complesso – ammette il medico – ma noi potremmo già orientarci per decadi perché in linea generale le decadi più elevate sono quelle più esposte a un decadimento della risposta anticorpale, quindi partire dagli ultraottantenni e campionare gli anticorpi e poi scendere agli over 70, agli over 60 con una progressività, non dimenticando i fragili”.

Il virologo invita poi a “pensare agli anticorpi monoclonali come alternativa al vaccino. Ci sono delle categorie affette da immunodeficienze di varia natura che ai vaccini non rispondono e hanno bisogno di protezione”.

I monoclonali, spiega, “sono anticorpi che non devi produrre ma sono già belli e prodotti, sono protettivi, durano mesi, hanno uno spettro di attività molto ampio che include le varianti e quindi sono un’alternativa al vaccino o un’integrazione del vaccino molto, molto interessante”.

“L’unico problema – aggiunge – è la loro validazione clinica e il costo ma dove riuscissimo a contenerne il costo sarebbe un preparato a intramuscolo facile da somministrare, quasi domiciliare, quindi sarebbe davvero importante poterne disporre. Così come importante sarebbe disporre di uno o più farmaci antivirali orali. Per i refrattari al vaccino bisogna dire che ci sono anche queste possibili alternative. Perché non dirlo? Non saremmo equilibrati nel nostro giudizio. Non ti vuoi proprio vaccinare? Fatti i monoclonali, sono anticorpi, è come fare le immunoglobuline per il tetano, non è uguale ma molto simile”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684