Dalla Toscana alla Romagna sulle tracce di Dante, un percorso “lento” promosso dalla Lonely Planet - QdS

Dalla Toscana alla Romagna sulle tracce di Dante, un percorso “lento” promosso dalla Lonely Planet

redazione

Dalla Toscana alla Romagna sulle tracce di Dante, un percorso “lento” promosso dalla Lonely Planet

martedì 24 Novembre 2020 - 00:00
Dalla Toscana alla Romagna sulle tracce di Dante, un percorso “lento” promosso dalla Lonely Planet

Turismo sostenibile: l’unica meta italiana segnalata è l’itinerario che ripercorre i luoghi attraversati dal poeta durante l’esilio

FIRENZE – C’è una sola meta italiana segnalata da Lonely Planet tra le destinazioni nel mondo assolutamente da non perdere l’anno prossimo, il 2021, come esperienza sostenibile; e sono le ‘’Vie di Dante’’, un itinerario ‘lento’ che corre tra Toscana e Romagna. Non poteva forse esserci riconoscimento migliore, da parte della guida che è un po’ considerata la ‘’Bibbia’’ dei viaggiatori, alla vigilia dell’anniversario dei settecento anni dalla morte del sommo poeta: un progetto di ‘turismo slow’ a cui le due Regioni stanno lavorando da tempo, alla riscoperta di tradizioni, artigianato, borghi e musei, sperando che nel 2021 il turismo internazionale, superata l’emergenza sanitaria, possa finalmente ripartire.

‘’Dante – sottolinea il presidente della Toscana Eugenio Giani – è l’espressione della cultura italiana e di quella europea. È un figura unificante: nella sua Divina Commedia riuscì a tenere insieme la laicità dello Stato, tipica dei Ghibellini, e la spiritualità cara ai Guelfi. Ripercorrere le tappe del suo esilio attraverso due regioni sarà l’occasione per viaggiare all’insegna di un turismo nuovo e moderno, che consente di recuperare e gustare appieno la naturalità di un luogo’’.

‘’Abbiamo investito molto sul turismo ‘lento’ – spiega l’assessore al turismo della Toscana, Leonardo Marras – e il progetto ‘Le vie di Dante’ ne è un esempio significativo. L’attenzione da parte di Lonely Planet, che ci cita come buona pratica nella rubrica ‘Best in travel 2021’ è importante in questa fase così complessa. Noi nel frattempo stiamo continuando a lavorare, ideare e progettare’’.

L’itinerario (www.viedidante.it) si snoderà lungo i luoghi attraversati dal poeta durante il suo esilio: da Firenze a Ravenna, dopo il 1302 quando fu condannato a morte da parte dei Guelfi Neri saliti al potere nella città toscana. C’è un cammino trekking, venti tappe per 395 chilometri, andata e ritorno. Ma ci si potrà spostare anche in bicicletta oppure in treno, attraverso l’antica e suggestiva via ferroviaria Faenza-Firenze.

I protagonisti del “Best in Travel” sono stati ufficialmente annunciati lo scorso 17 novembre. Il canale tematico italiano della guida – lonelyplanetitalia.it/best-in-travel – raggiunge da solo 18 milioni di utenti: si tratta dunque di un palco di grande visibilità. Per l’edizione 2021, la quindicesima, le tradizionali categorie di ‘’Best in travel’’ sono state peraltro riorganizzate: non più 10 paesi, 10 regioni, 10 città e 10 destinazioni da non perdere, ma come spiega la stessa Lonely Planet, ‘’luoghi e persone che dimostrano un autentico impegno a favore della comunità, della diversità e della sostenibilità’’, dando spazio a chi rappresenta un esempio da seguire.

Non resta a questo punto che prepararsi al viaggio, ognuno a modo suo, tra mostre d’arte e giornate dedicate magari a Paolo e Francesca, attraverso tappe ‘obbligate’ come il battistero fiorentino di San Giovanni, tanto caro a Dante, o la tomba a Ravenna, fino a proposte più originali come una visita alle trentatré lapidi dantesche nella Firenze medievale o un trekking all’eremo di Gamogna nel comune di Marradi.

Ci sarà naturalmente spazio anche per il gusto e l’enogastronomia, tutti da scoprire. Le vie di Dante attraversano ad oggi sette comuni: Firenze, Scarperia, San Piero, Borgo San Lorenzo e Marradi sul versante toscano, Brisighella, Faenza e Ravenna in quello romagnolo. Ma l’idea è di allargare l’offerta e il pacchetto anche ad altri territori. Gli uffici della Regione Toscana sono già a lavoro per questo.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684