I debiti ereditari - QdS

I debiti ereditari

Sebastiano Attardi

I debiti ereditari

martedì 09 Agosto 2022 - 09:43

Colui che viene nominato erede o è erede per legge, non è obbligato ad accettare l’eredità

Colui che viene nominato erede o è erede per legge, non è obbligato ad accettare l’eredità in quanto può rinunziare alla stessa. Quando ciò avviene egli non risponde dei debiti della persona deceduta (cosiddetto “de cuius“: “colui di cui si parla”). Questo principio – pur non essendo stato previsto e regolato da una specifica norma di legge – è stato affermato più volte dalla giurisprudenza di legittimità, ovvero la Cassazione, la quale ha annullato, come esempio le richieste dell’ufficio delle entrate che pretendeva il pagamento di imposte, che appartenevano al contribuente deceduto, da parte degli eredi che avevano rinunciato all’eredità. Pertanto, il Fisco non può pretendere il pagamento di debiti da parte delle persone che rinunciano all’eredità per il semplice fatto che queste ultime non sono mai divenute eredi del defunto, originario debitore.

Anche la stessa amministrazione finanziaria è ormai convinta di questo principio tanto che nella risoluzione ministeriale del 5 novembre 1980 afferma esplicitamente, addirittura, che “va ritenuta illegittima la notificazione degli atti dell’accertamento di una determinata imposta, effettuata al chiamato all’eredità, che abbia rinunciato a quest’ultima, non essendosi verificata tra i due soggetti – “de cuius” e “chiamato all’eredità” – quella riunione, giuridicamente detta “confusione patrimoniale”, che fa sorgere a carico del secondo la legittimazione passiva per le obbligazioni che si riferiscono al primo.

In sostanza, perché l’erede possa rispondere al posto del de cuius occorre che vi sia l’accettazione, espressa o tacita, dell’eredità, costituendo ciò una imprescindibile condizione affinché possa affermarsi l’obbligazione del chiamato all’eredità.

La rinuncia all’eredità (il termine è dieci anni) può essere effettuata anche tardivamente purché entro il termine di cui sopra.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684