Catania, passi avanti verso il decentramento - QdS

Catania, passi avanti verso il decentramento

redazione

Catania, passi avanti verso il decentramento

giovedì 16 Luglio 2020 - 00:02
Catania, passi avanti verso il decentramento

Il sindaco: “Trasformare le circoscrizioni da organi di mero parere a strumenti di gestione”

CATANIA – Le priorità per il funzionamento dei servizi ai cittadini dei sei Municipi, quali organi di effettivo decentramento urbano, gli investimenti da realizzare nelle singole articolazioni territoriali con un diretto coinvolgimento delle circoscrizione nell’esecuzione del Patto per Catania e del piano triennale per le opere pubbliche, un piano di costante interlocuzione tra l’Amministrazione Comunale per la concreata attuazione del nuovo regolamento.

Questi e altri argomenti sono stati oggetto della riunione d’insediamento della Consulta dei presidenti dei Municipi circoscrizionali alla presenza del sindaco Salvo Pogliese, del presidente del consiglio comunale Giuseppe Castiglione, dell’assessore al decentramento Alessandro Porto, dell’assessore al personale Michele Cristaldi e del direttore del decentramento Marco Petino, riunioni a cui hanno partecipato i rappresentati delle sei articolazioni amministrative municipali Paolo Fasanaro (I), Massimo Ruffino (II), Paolo Ferrara (III), Erio Buceti (IV) e Alfio Allegra (VI); assente giustificato Angelo Patanè(V).

Il sindaco Salvo Pogliese si è impegnato a convocare, a breve, una riunione coi Direttori delle singole articolazioni burocratiche comunali alla presenza dei presidenti dei sei Municipi.

“Occorre approfondire le tematiche affrontate dalla Consulta – ha spiegato il primo cittadino – al fine di sostenere un’effettiva riforma del funzionamento del decentramento, con strumenti amministrativi e operativi in grado di trasformare le circoscrizioni da organi di mero parere come sono stai finora, a strumenti di gestione di prossimità per i servizi per i cittadini”.

“Per questo – ha concluso Pogliese – bisogna fare in modo che i Municipi possano intervenire sia nella fase di programmazione che in quella attuativa, nell’ottica di una visione di maggiore presenza sul territorio degli organi elettivi, quali sono i consigli municipali e i loro presidenti, con il piccolo apparato burocratico che li accompagna, con un confronto costante sia con il sindaco e l’assessore al ramo sia coi dirigenti comunali”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684