Democrazia partecipata a Catania, vince il progetto dell'area fitness al Parco Gioeni - QdS

Democrazia partecipata a Catania, vince il progetto dell’area fitness al Parco Gioeni

web-dr

Democrazia partecipata a Catania, vince il progetto dell’area fitness al Parco Gioeni

web-dr |
mercoledì 24 Novembre 2021 - 18:48

La consultazione, avviata con un avviso pubblico del sindaco Salvo Pogliese lo scorso 26 ottobre ha riguardato l'espressione di voto tra quattro progetti di riqualificazione.

E’ quello della realizzazione di una vasta area attrezzata per lo sport e il tempo libero nel Parco Gioeni il progetto scelto dal 52% cittadini di Catania, che hanno aderito all’iniziativa di democrazia partecipata dell’Amministrazione Comunale, che ha chiesto di scegliere un’opera da realizzare a Catania in ossequio alla legge regionale che destina il 2% delle somme trasferite, circa200 mila euro, utilizzando strumenti di coinvolgimento della cittadinanza per la scelta di azioni di interesse comune per Catania.

La consultazione, avviata con un avviso pubblico del sindaco Salvo Pogliese lo scorso 26 ottobre ha riguardato l’espressione di voto tra quattro progetti di riqualificazione.

Tra quelle proposte ha prevalso l’idea di realizzare nel Parco Gioeni un percorso fitness con spazi per esercizi ginnici con attrezzi per la corsa e camminate adatti allo sviluppo della corporeità, sistemando le aree a verde per finalità ludico-sportive, creando una vera e propria palestra all’aria aperta. Il progetto ha totalizzato 1.468 espressioni di preferenza su un totale di 2.835.

“Passeremo subito alla fase operativa – ha detto il sindaco Salvo Pogliese – per cominciare al più presto i lavori nel Parco Gioeni, concretizzando l’iniziativa che i cittadini hanno scelto tra le quattro opzioni sottoposte alla consultazione.

Peraltro questo primo intervento che eseguiremo nel più grande polmone verde della città coi fondi regionali della democrazia partecipata sarà seguito da un un’altra importante azione di riqualificazione prevista coi fondi comunitari sempre in un’ottica di valorizzazione ambientale e ludico sportiva.

Ovviamente -ha aggiunto il primo cittadino- terremo conto anche delle altre scelte dai cittadini, provando gradualmente a realizzarle appena possibile, pur con le difficilissime condizioni del dissesto finanziario”. (ANSA).

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684