Depuratori più efficienti, la sfida dell’Unipa - QdS

Depuratori più efficienti, la sfida dell’Unipa

redazione

Depuratori più efficienti, la sfida dell’Unipa

venerdì 10 Luglio 2020 - 00:00

Progetto dell’Università di Palermo finanziato dall’Ue per il recupero delle materie prime. Il referente Mannina: “L’adeguamento degli impianti è un’opportunità per la green economy”

PALERMO – L’Università degli studi di Palermo presenta il progetto “Achieving wider uptake of water-smart solutions – Wider-Uptake”, di cui l’Ateneo è partner. Il progetto, che ha ricevuto dalla Commissione Europea nell’ambito del programma Horizon 2020 un finanziamento che supera gli 11 milioni di euro di cui oltre 1 milione e mezzo all’Università di Palermo, ha come obiettivo il recupero di materie prime – fosforo, azoto, biopolimeri e acqua trattata per il riuso – dalla depurazione delle acque reflue favorendo la simbiosi industriale per portare il concetto di innovazione sul mercato.

L’applicazione di water-smart solutions consentirà un miglioramento dell’efficienza degli impianti di depurazione permettendo contestualmente di ridurre l’impronta di carbonio – carbon footprint – necessaria ogni giorno per restituire all’ambiente acqua depurata, tramite l’implementazione di biotecnologie innovative che riducono i consumi energetici e le emissioni di gas serra dai depuratori.

“La depurazione delle acque mirata alla salvaguardia dei corpi idrici ricettori e quindi dell’ambiente richiede una rivisitazione in un’ottica di economia circolare. Numerosi impianti di depurazione sono sotto infrazione comunitaria e uscire velocemente da tale situazione è uno degli obiettivi prioritari di sostenibilità ambientale – spiega il referente scientifico Giorgio Mannina, docente di Ingegneria Sanitaria-Ambientale al Dipartimento di Ingegneria UniPa – La necessità di adeguamento di numerosi impianti di depurazione fornisce delle opportunità in una direzione di green-economy e alimenta delle sfide che possono contribuire ad uno sviluppo in vari settori industriali e sbocchi occupazionali”.

Sei casi studio, disseminati nei vari Paesi Europei partner del progetto, tra cui due in Italia, forniranno le linee guida, condivise e ulteriormente sviluppate con la comunità, sull’implementazione ed applicazione delle soluzioni innovative. Gli impianti di depurazione, gestiti da Amap Spa, sono quelli dei comuni di Corleone e Marineo.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684