Differenziata al 12%, gara-chimera e Catania resta un far west dei rifiuti - QdS

Differenziata al 12%, gara-chimera e Catania resta un far west dei rifiuti

Desiree Miranda

Differenziata al 12%, gara-chimera e Catania resta un far west dei rifiuti

martedì 22 Settembre 2020 - 00:02
Differenziata al 12%, gara-chimera e Catania resta un far west dei rifiuti

Ennesimo bando settennale al vaglio del Comune. In strada pochi vigili a disposizione per stanare gli incivili. Cantarella: “Ma soltanto in questo mese elevate 200 sanzioni”

CATANIA – La Città dell’Elefante annaspa ancora nella “munnizza”. La percentuale di raccolta differenziata “rimane intorno al 12 per cento”, dice l’assessore all’Ecologia, Fabio Cantarella, e la gara settennale per la copertura “porta a porta” di tutta la città deve ancora essere pubblicata. Di nuovo. Complice anche la diffusione del Covid – epidemia che ha determinato “una riduzione delle percentuali per tutti i Comuni” – la partecipazione dei cittadini alla raccolta differenziata sembra affievolirsi e sono tanti i cumuli che in strada fanno bella vista di sé.
L’amministrazione assicura di fare il possibile, anche mediante l’ausilio di telecamere, per scovare gli incivili. I controlli sul territorio non possono però che essere limitati “sia a causa dell’ampiezza del territorio che dell’esiguo numero dei vigili urbani”, spiega Cantarella, annunciando l’installazione, nei prossimi giorni, di dieci nuove telecamere in altrettanti punti strategici della città.

E nel frattempo c’è un’altra patata bollente che scotta sul tavolo di Cantarella. Si tratta della gara settennale, andata deserta innumerevoli volte, e che va pubblicata prima di dicembre per scongiurare l’ennesima proroga del contratto di servizio.

Il bando di gara è “al vaglio del Comune”, garantisce l’assessore. C’è un apposito tavolo composto dal segretario generale Rossana Manno, il direttore della direzione ambiente, Maria Luisa Areddia, il Dec (direttore dell’esecuzione del contratto, nda) Salvatore Fiscella e dal Rup (responsabile unico del procedimento, nda) Maurizio Trainiti. “Stanno valutando – continua – se la gara contiene tutte richieste del Comune in modo da non lasciare servizi scoperti”.

La gara non solo dovrà prevedere la raccolta differenziata “porta a porta” in tutta la città, parchi compresi, ma comprenderà anche la gestione e diffusione delle isole ecologiche. L’obiettivo è quello di far sparire dalla circolazione i cassonetti, anche perché sono spesso preda dei pendolari dei rifiuti che dai Comuni limitrofi scaricano a Catania. Gli unici ammessi saranno quelli condominiali per i grandi condomini in cui ci sono gli spazi, ma saranno utilizzabili solo da chi avrà la tessera magnetica per poterli aprire, ovvero i condòmini stessi.

Con il nuovo bando le isole ecologiche diventeranno sei “con l’obiettivo di averne una in ogni quartiere”. Anche per questo Cantarella racconta che il Comune ha partecipato a un bando regionale. “Siamo entrati in graduatoria per le quattro isole ecologiche che abbiamo progettato per i quattro quartieri in cui mancano – dice – e a breve dovrebbe arrivare il finanziamento”. Novità anche per l’isola abbandonata e vandalizzata di via D’Ameglio. L’assessore Fabio Cantarella dice che “è già stata bonificata e pulita e stiamo aspettando un intervento di messa in sicurezza. A breve comunque potrà essere messa in funzione. Ovviamente anche quella sarà affidata all’azienda che gestirà la raccolta”, afferma.

In attesa del grande cambiamento, nella speranza che la gara non vada deserta per l’ennesima volta, l’amministrazione continua a dichiarare tolleranza zero contro chi infrange le regole. “Solo in questo mese, mi comunica la Municipale, sono state elevate 200 sanzioni. Sia tramite le telecamere che attraverso i controlli”, conclude l’assessore.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684