Ebas per le imprese artigiane, come ottenere 5mila euro a fondo perduto - QdS

Ebas per le imprese artigiane, come ottenere 5mila euro a fondo perduto

web-dr

Ebas per le imprese artigiane, come ottenere 5mila euro a fondo perduto

web-dr |
mercoledì 17 Novembre 2021 - 17:55

L'ente mette a disposizione contributi a fondo perduto fino a 5 mila euro a copertura del 30% dei danni subiti in seguito alle alluvioni di questi giorni

Ancora maltempo in Sicilia. Ancora danni per le
imprese, che si aggiungono a quelli, non risolti , del mese scorso.

L’Ebas, l’ente bilaterale dell’artigianato, che
sin dall’inizio della pandemia Covid-19, è stato un sostegno indispensabile per
gli artigiani siciliani, accorre ancora una volta in aiuto.

Per sostenere le aziende artigiane colpite dai terribili
eventi alluvionali che hanno interessato tutta la Sicilia, l’ente mette a
disposizione contributi a fondo perduto fino a 5 mila euro a copertura del 30% dei danni subiti.

Ciò è stato reso possibile grazie all’impegno del
consiglio direttivo dell’Ebas, che ha introdotto nel regolamento dell’ente la
possibilità di erogare contributi anche alle imprese non ancora iscritte all’Ebas
che hanno subito danni causati da calamità naturali, come appunto nel caso
delle alluvioni.

Il contributo massimo erogabile è di 5.000 euro
, a copertura del 30% dei danni subiti.

Per i dipendenti delle imprese artigiane
colpite, nel caso di sospensione dell’attività lavorativa, potrà essere
attivata la cassa integrazione ordinaria prevista dall’Fsba, il fondo di
solidarietà bilaterale dell’artigianato.

Per la presentazione delle domande l’Ebas mette
a disposizione delle imprese artigiane e dei loro dipendenti, più di cento sportelli
in tutte le provincie siciliane presso le organizzazioni datoriali e sindacali:
Cna, Confartigianato, Casartigiani, Claai e Cgil, Cisl e Uil.

Per consultare l’elenco degli sportelli, consultare il
sito www.ebassicilia.org.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684