E-commerce, ascesa sempre più spedita per le vendite on line - QdS

E-commerce, ascesa sempre più spedita per le vendite on line

Marco Carlino

E-commerce, ascesa sempre più spedita per le vendite on line

sabato 25 Luglio 2020 - 00:00
E-commerce, ascesa sempre più spedita per le vendite on line

I dati del Politecnico di Milano: nel 2020 prevista crescita del 26%, 4,7 miliardi in più rispetto al 2019. Tra i settori privilegiati per gli acquisti online si fanno strada food, beauty e fitness

MILANO – L’ascesa dell’e-commerce procede sempre più spedita. Nel 2020, infatti, gli acquisti online di prodotto dei consumatori italiani varranno 22,7 miliardi di euro con una crescita annua del +26%, 4,7 miliardi in più rispetto al 2019: l’incremento in valore assoluto è il più alto di sempre. Questo è il dato principale che emerge da uno studio condotto dall’Osservatorio B2c del Politecnico di Milano.

Un dato frutto anche del lungo e recente lockdown, quando l’e-commerce ha rappresentato, giocoforza, il principale motore di generazione dei consumi. I settori più maturi crescono con un tasso sostenuto ma sotto alla media di mercato: nel 2020 l’Informatica ed elettronica di consumo vale 6 miliardi di euro (+18%), l’abbigliamento 3,9 miliardi (+21%) e l’Editoria 1,2 miliardi (+16%).

I comparti emergenti registrano ottimi risultati con ritmi di crescita esponenziali: in particolare il Food&Grocery genera 2,5 miliardi di euro (+56%) e una serie di altre nicchie di mercato come il pharma, il beauty e lo sport&fitness.

Nel 2020 l’incidenza dello shopping online sul totale vendite retail è passato importante dal 6% all’8%. Sul lato domanda, la crescita dei webshopper (+due milioni nel 2020), la maggior dimestichezza e fiducia nell’online e nei pagamenti digitali (anche da parte di chi online acquistava già) insieme al già citato periodo legato al lockdown stanno generando un effetto positivo nello sviluppo dell’e-commerce.

E sempre a proposito di lockdown, nonostante la maggior parte degli italiani fossero bloccati nelle proprie case, emerge un dato in netta controtendenza nell’utilizzo dello smartphone per fare acquisti online. L’e-commerce da telefono mobile, nella componente di prodotto, ha superato nel 2020 l’incidenza del 50%: per l’esattezza arriva a pesare per il ben 56% degli acquisti online totali.

Inoltre, gli acquisti e-commerce da smartphone nel 2020 saranno, secondo l’Osservatorio, pari, in tutto, a 12,8 miliardi di euro, con un incremento del +42% rispetto ai nove miliardi di un anno fa.

Alla base dello sviluppo del canale ci sono una maggior sensibilità dei commercianti nella progettazione di customer journey puramente mobile, la diffusione e la frequenza d’uso dei dispositivi (dal 2016 lo smartphone è diventato lo strumento più usato per connettersi a Internet) e il miglioramento dell’infrastruttura tecnologica in termini di copertura e connessione. Lo smartphone è poi adatto a favorire tutti gli acquisti di impulso, personalizzati (sulla base delle informazioni “personali” salvate sul dispositivo) e omnicanale (acquisto online in store).

La crisi nata dalla pandemia potrebbe rappresentare la più grande occasione per ottimizzare i processi in grado gestire nel miglior modo possibile non solo la domanda straordinaria ma anche il futuro in cui il digitale sarà sempre più fondamentale.

“Lo sforzo encomiabile messo in campo da diversi attori non verrà vanificato – spiega Valentina Pontiggia, direttore dell’Osservatorio eCommerce del Politecnico di Milano – . Rispetto al passato è maturata una definitiva consapevolezza sulla necessità di sviluppare un canale e-commerce completamente integrato con l’esperienza fisica. Un cambiamento epocale e invocato dai consumatori che richiederà – soprattutto per i modelli più tradizionali di Retail – profonde revisioni di processo e di organizzazione, investimenti, capacità di ascolto dei clienti e molta creatività”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684