Enna, appello sindaco, “Aderite bando buoni spesa” - QdS

Enna, appello sindaco, “Aderite bando buoni spesa”

redazione

Enna, appello sindaco, “Aderite bando buoni spesa”

venerdì 15 Maggio 2020 - 00:00
Enna, appello sindaco, “Aderite bando buoni spesa”

Per il primo cittadino vi è un duplice obiettivo: rilanciare l’economia e aiutare chi è in difficoltà. Anche a livello locale si studiano le strategie necessarie a superare una crisi profonda

ENNA – Passato il peggio per quel che concerne la diffusione del Coronavirus, nonostante la provincia ennese sia stata tra quelle più colpite in Sicilia, si lavora per ripartire e rimettere in moto un’economia, già in difficoltà, che dal diffondersi della pandemia ha ricevuto un colpo durissimo.

In tanti, a causa delle misure di contenimento imposte dal Governo nazionale per limitare la diffusione del virus, hanno vissuto sulla propria pelle il diffondersi di una crisi forse mai così grave dai tempi del dopoguerra. Per tentare di dare un sollievo a queste famiglie, le istituzioni hanno messo in campo strumenti pensati per consentire ai più bisognosi di mettere in tavola almeno due pasti al giorno: tra questi rientrano certamente i buoni spesa.

Su questo tema, nei giorni scorsi il sindaco Maurizio Dipietro si è espresso sul proprio profilo Facebook, rivolgendosi, con un duplice obiettivo, agli operatori commerciali della città. “Voglio rivolgere un appello – ha scritto – ai commercianti ennesi di generi alimentari, farmaceutici e per l’igiene personale e domestica affinché aderiscano numerosi al bando emesso dal Comune per l’utilizzo dei buoni spesa, erogati in base alle risorse assegnate dal Governo nazionale”.

“Com’è noto – ha precisato – i buoni spesa verranno accreditati direttamente sulle tessere sanitarie dei beneficiari e potranno essere spesi presso gli esercizi che aderiranno al bando a loro riservato. Per utilizzare il credito caricato sulle tessere sanitarie, non è necessaria nessuna particolare attrezzatura ma basterà un semplice tablet o uno smartphone e non sono previste commissioni di alcun genere”.

“Un modo concreto – ha concluso il primo cittadino – per far ripartire l’economia locale e agevolare chi è più in difficoltà a causa dell’emergenza sanitaria”.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684