Partita Iva, obbligo fattura elettronica per regime forfettario: cosa sapere - QdS

Partita Iva, obbligo fattura elettronica per regime forfettario: cosa sapere

web-mp

Partita Iva, obbligo fattura elettronica per regime forfettario: cosa sapere

web-mp |
venerdì 06 Maggio 2022 - 15:45

Per chi vale l'obbligo e quando parte? Chi è il titolare di partita Iva esonerato? Come si compila una fattura elettronica? Ecco tutte le informazioni utili

Titolari di Partita Iva in regime forfettario siete avvisati. Tra poco, sarà obbligatorio l’utilizzo della fatturazione elettronica. Il decreto Pnrr 2, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 30 aprile 2022, ha confermato la fattura elettronica per i forfettari. Ma quando scatta l’obbligo? Secondo quanto previsto, il via partirà dal 1° luglio 2022. Saranno però esonerate fino al 31 dicembre 2023 le partite Iva con ricavi o compensi fino a 25.000 euro.

Chi è obbligato alla fatturazione elettronica 2022?

Come spiegato dall’articolo 18 del decreto legge 30 aprile 2022, n. 36, “a partire dal 1° luglio 2022 per i soggetti che nell’anno precedente abbiano conseguito ricavi ovvero percepito compensi, ragguagliati ad anno, superiori a euro 25.000, e a partire dal 1° gennaio 2024 per i restanti soggetti”. Si legge, inoltre, che: “Per il terzo trimestre del periodo d’imposta 2022, le sanzioni non si applicano ai soggetti ai quali l’obbligo di fatturazione elettronica è esteso a decorrere dal 1° luglio 2022, se la fattura elettronica è emessa entro il mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione”.

Scendendo nello specifico, non è più previsto l’esonero dalla fattura elettronica per i seguenti soggetti:

  • i contribuenti che rientrano nel regime di vantaggio (articolo 27, commi 1 e 2, Dl 98/2011);
  • i contribuenti in regime forfettario (articolo 1, commi da 54 a 89, legge 190/2014);
  • i soggetti passivi (associazioni sportive dilettantistiche ed enti del terzo settore) che hanno scelto il regime speciale ai fini Iva (articoli 1 e 2, legge 398/1991) e che nel periodo d’imposta dell’anno hanno registrato proventi fino 65 mila euro.

Chi è esonerato dalla fattura elettronica?

Dal 1° luglio 2022 la fattura elettronica per quasi tutti i forfettari diventerà obbligatoria. Si può parlare ancora di esonero parziale, in quanto a partire dal 1° luglio 2022 l’obbligo riguarderà solo i soggetti che nell’anno precedente abbiano conseguito ricavi ovvero percepito compensi, ragguagliati ad anno, superiori a euro 25.000. Gli altri soggetti, quindi quelli con ricavi fino a 25.000 euro, saranno ancora esonerati dalla fattura elettronica almeno fino al 31 dicembre 2023. Per loro, infatti, l’obbligo scatterà a partire dal 1° gennaio 2024.

Esclusi anche i piccoli produttori agricoli

In base alla nuova legge, dal 1° luglio 2022 le uniche categorie che restano escluse dall’obbligo di fatturazione elettronica solo gli operatori definiti come “piccoli produttori agricoli” (art. 34, comma 6, del Dpr n. 633/1972), i quali erano già esonerati dall’emissione di fattura anche prima dell’introduzione dell’obbligo di fatturazione elettronica.

Fattura elettronica e cartacea, le differenze

La fattura elettronica è diversa da quella cartacea solo per due aspetti, come sottolinea la stessa l’Agenzia delle entrate :

  • la fattura elettronica va necessariamente redatta utilizzando un pc, un tablet o uno smartphone. Dunque, da luglio scompare il vecchio modo di compilare il blocco fatture cartaceo;
  • la fattura elettronica deve essere trasmessa elettronicamente al cliente tramite il Sistema di Interscambio (SdI).

La compilazione

Per quanto riguarda la compilazione, i dati obbligatori da riportare nella fattura elettronica sono gli stessi che si riportavano nelle fatture cartacee. L’unica cosa in più che si deve aggiungere è l’indirizzo e-mail o la Pec dove il cliente vuole venga consegnata la fattura.

Se il cliente non possiede un’indirizzo telematico, la fattura viene comunque emessa e resta disponibile in un’apposita area del sito dell’agenzia delle Entrate.

Come si compila una fattura elettronica?

Per compilare una fattura elettronica è necessario disporre di un pc, di un tablet o di uno smartphone. Al supporto elettronico però bisogna associare un programma che consenta la compilazione del file della fattura nel formato XML previsto dal provvedimento dell’Agenzia delle Entrate del 30 aprile 2018.

L’Agenzia delle Entrate mette a disposizione gratuitamente tre tipi di programmi per predisporre le fatture elettroniche:

  • una procedura web, utilizzabile accedendo al portale “Fatture e Corrispettivi” del sito internet dell’Agenzia;
  • un software scaricabile su pc;
  • un’App per tablet e smartphone, chiamata Fatturae, scaricabile dagli store Android o Apple.

In alternativa, è possibile utilizzare software privati che si trovano su Internet. L’importante è che il software consenta la compilazione del file della fattura in formato Xml.

Quali sono i codici da inserire per chi è a regime forfettario?

Chi adotta il regime forfettario dovrà indicare nel software di fatturazione il codice RF-19 – Regime forfettario. Come per le fatture cartacee, si deve inserire la marca da bollo (per gli importi superiori a 77,47 euro) e la dicitura “Operazione senza applicazione dell’Iva, effettuata ai sensi dell’articolo 1, commi da 54 a 89, l. n. 190 del 2014 così come modificato dalla l. n. 208 del 2015 e dalla l. n. 145 del 2018”. Poiché il regime forfettario esclude l’applicazione dell’Iva, si deve indicare anche il codice N2.2 (Operazioni non soggette – altri casi).

Come si conservano le fatture elettroniche?

Per legge, sia chi emette che chi riceve una fattura elettronica è obbligato a conservarla elettronicamente. La conservazione elettronica, tuttavia, non è la semplice memorizzazione su pc del file della fattura, bensì un processo regolamentato tecnicamente dalla legge (CAD – Codice dell’Amministrazione Digitale).

Con il processo di conservazione elettronica a norma, infatti, si avrà la garanzia – negli anni – di non perdere mai le fatture, riuscire sempre a leggerle e, soprattutto, poter recuperare in qualsiasi momento l’originale della fattura stessa (così come degli altri documenti informatici che si decide di portare in conservazione).

L’Agenzia delle Entrate mette gratuitamente a disposizione un servizio di conservazione elettronica a norma per tutte le fatture emesse e ricevute elettronicamente attraverso il Sistema di Interscambio. Anche questo servizio è accessibile dall’utente dalla sua area riservata del portale “Fatture e Corrispettivi”.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684