Gela è fuori dalla zona rossa, le imprese tornano a respirare - QdS

Gela è fuori dalla zona rossa, le imprese tornano a respirare

Liliana Blanco

Gela è fuori dalla zona rossa, le imprese tornano a respirare

sabato 15 Maggio 2021 - 00:00

Si temeva un’altra settimana di massime restrizioni, ma alla fine la Regione ha deciso di revocare tempestivamente le limitazioni. Ora si spera nei vaccini e nell’apertura dell’hub al PalaCossiga

GELA (CL) – Prima il timore di una nuova proroga per la zona rossa, poi lo stop alle massime limitazioni da parte della Regione e, si spera, un primo passo per il definitivo ritorno alla normalità.

La città era chiusa dallo scorso 24 aprile e in molti si erano allarmati quando, mercoledì scorso, era arrivata la notizia di una proroga fino al 19 maggio. La questione, però, si è ridimensionata nel giro di poche ore e così giovedì mattina la Regione ha dichiarato “con decorrenza immediata” la città libera dalla zona rossa.

Un enorme sospiro di sollievo per i commercianti, che erano già scesi in piazza per manifestare tutto il loro dissenso nei confronti di scelte ritenute devastanti per il tessuto produttivo locale. Il tutto al termine di giornate che hanno visto anche la politica interrogarsi su questo delicato argomento, con Consigli comunali fiume in cui vi sono stati due imputati principali: l’Asp per la maggioranza e l’Amministrazione per l’opposizione.

Appena appreso della decisione assunta a Palermo, comunque, il sindaco Lucio Greco ha voluto comunicare la notizia ai tanti commercianti che si erano radunati di fronte al Comune per far sentire la propria voce. “La notizia della proroga della zona rossa per un’altra settimana – ha commentato il primo cittadino – mi aveva gelato il sangue, perché comprendo la difficile situazione dei ristoratori e dei commercianti, degli esercenti e degli ambulanti. Per questo sono stato felice di poter dire loro che potevano prepararsi a riaprire”.

Una buona notizia che però non può essere interpretata come un pericoloso liberi tutti. “Le regole – ha aggiunto Greco – vanno rispettate. Distanziamento, mascherina, non uscire di casa se non strettamente necessario, igienizzare spesso le mani sono comportamenti che devono caratterizzare le nostre giornate e il nostro stile di vita, fino a quando, grazie anche alle vaccinazioni che subiranno una notevole accelerazione non appena inaugureremo l’hub al PalaCossiga, ci potremo lasciare tutto questo alle spalle”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684