Gran Bretagna, scaffali vuoti nel Paese per il flop della Brexit - QdS

Gran Bretagna, scaffali vuoti nel Paese per il flop della Brexit

redazione web

Gran Bretagna, scaffali vuoti nel Paese per il flop della Brexit

giovedì 26 Agosto 2021 - 07:27

Allarme approvvigionamento per la mancanza di immigrati - camionisti, macellai, braccianti -, aggravato dal Covid. McDonald's senza bibite. Mancano i polli, chiusi cinquanta ristoranti

Allarme approvvigionamento in Gran Bretagna, dove vi sono sempre più scaffali vuoti nei negozi alimentari e McDonald’s ha dovuto rinunciare a vendere milkshakes e bibite in bottiglia.

“La scarsità è al peggior livello che io abbia mai visto”, ha detto Steve Murrells, chief executive di Co-operative, uno dei maggiori gruppi di vendita al dettaglio del Regno Unito.

Intervistato dal Times, il manager ha puntato il dito contro “la Brexit e questioni causate dal Covid” che provocano la mancanza di centomila camionisti, necessari per il trasporto delle merci.

Per questo il gruppo sta addestrando parte del suo personale a guidare i camion.

Rischiamo di “cancellare nuovamente il Natale”, dichiara al Guardian il direttore della catena di supermercati Iceland, Richard Walker, che esorta il governo di Boris Johnson a intervenire sulle regole della Brexit per permettere di assumere camionisti all’estero.

Nei suoi negozi ormai si cancellano 30-40 consegne al giorno, comprese quelle di prodotti freschi come il pane. E le consegne di bibite sono calate del 50%.

Migliaia di camionisti europei non sono più tornati a lavorare in Gran Bretagna dopo l’inizio della pandemia di covid e l’uscita del paese dall’Ue.

Secondo Walker, la scarsità di camionisti “non è una conseguenza inevitabile” delle regole d’immigrazione post Brexit, ma “una ferita auto inflitta” dal governo “che non apprezza l’importanza del lavoro che svolgono per noi”.

“La soluzione più semplice – dichiara – è che i camionisti vengano inseriti nella lista dei lavoratori qualificati ed essenziali”.

A mancare non sono solo i camionisti, ma anche i lavoratori negli impianti di lavorazione della carne e i braccianti che raccolgono frutta e ortaggi.

La scarsità di rifornimento colpisce pure ristoranti e fast food: McDonalds non è più in grado di servire milkshakes nella maggior parte dei suoi locali, molti dei quali rimasti anche senza bibite in bottiglia.

La settimana scorsa la catena Nando’s ha chiuso cinquanta ristoranti per mancanza di polli.

Afghanistan, “Catania faccia la sua parte con i profughi”
Bianco ricorda la manifestazione organizzata nella città etnea per contribuire alla ricostruzione dal terremoto del 2016 ed esorta, “Facciamo la nostra parte per chi soffre”

L’ex sindaco di Catania Enzo Bianco, con una nota, ha ricordato come il 24 agosto di cinque anni fa, nella corte di Palazzo degli Elefanti, fosse stata organizzata una grande manifestazione gastronomica con cuochi, volontari, cittadini, Autorità.

“Tutti desiderosi – ha sottolineato – di dare un contributo alla ricostruzione dei territori devastati dallo spaventoso terremoto del 2016. Una bella iniziativa, carica di buoni sentimenti, che ricordo con un sorriso”.

“Solidarietà e attenzione verso chi soffre – si legge ancora nella nota – sono sempre stati i punti cardine della nostra Amministrazione. Anche oggi il mio pensiero va a chi soffre. E vorrei che Catania, come tanti Comuni di ogni colore politico, facesse la sua parte con le donne, i bambini, i profughi dell’Afghanistan”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684