Gf Vip, Manuel Bortuzzo racconta la sua disabilità, "Non posso avere figli" - QdS

Gf Vip, Manuel Bortuzzo racconta la sua disabilità, “Non posso avere figli”

web-iz

Gf Vip, Manuel Bortuzzo racconta la sua disabilità, “Non posso avere figli”

web-iz |
venerdì 11 Marzo 2022 - 12:43

Manuel Bortuzzo si è messo completamente a nudo raccontando come sia la vita di un disabile. Dalla colazione al bar al treno, dall'amore ai sogni più nascosti. Ecco cosa ha detto.

Ieri sera un’altra puntata del Gf Vip. Dopo la scorsa eliminazione di Soleil Sorge, l’eliminazione di Manila. A emozionare il pubblico le confessioni di Manuel Bortuzzo, che ha raccontato ad Alfonso Signorini la vita quotidiana di un ragazzo “disabile per caso”.

Manuel Bortuzzo, chi è e perché è in sedia a rotelle

Manuel Bortuzzo ha 23 anni. Era – ed è – un nuotatore di successo. Ma dal 2019 si trova su una sedia a rotelle con il rischio di non poter camminare mai più sulle sue gambe.

A sparargli un colpo di pistola Lorenzo Marinelli Daniele Balzano, due ragazzi attualmente in carcere per aver colpito il giovane mentre con l’allora fidanzata Martina Rossi stava acquistando un pacchetto di sigarette. Un proiettile esploso per errore, perché non doveva essere Manuel il destinatario della vendetta.

Marinelli e Balzano – di 26 e 27 anni, reo confessi e con precedenti penali – potrebbero usufruire adesso del terzo sconto di pena.

Intanto Manuel resta in carrozzina, perché quel proiettile gli trapassò un polmone e gli danneggiò una vertebra, costringendolo a cambiare la sua vita per sempre e rinunciare alla sua carriera da campione di nuoto.

Diversamente abile? “Preferisco disabile, le cose bisogna dirle per come sono, senza paura”

Proprio della sua disabilità ha voluto parlare Manuel Bortuzzo agli italiani. Perché dietro quella maschera di quasi eccessivo ottimismo, si nascondono dolori e rabbie quotidiane che non vanno taciute: “Considero il GF Vip una sfida vinta. Credo che facendo vedere la quotidianità, la normalità di un ragazzo disabile, posso avere mostrato tante piccole cose che forse prima non si sapevano – ha detto -. Preferisco il termine disabile a diversamente abile, perché le cose bisogna dirle per come sono, senza paura. Non c’è niente di sbagliato in questo”.

La pensione per i disabili: “Dallo Stato poco o niente”

Il nuotatore ha raccontato come in Italia la pensione per i disabili sia insufficiente persino per l’acquisto delle medicine necessarie, figuriamoci ad assicurare una persona che possa accompagnarli.

“Quanto prendo dallo Stato? Poco e niente, rispetto a quelle che sono le mie esigenze. Mi danno di pensione 200 euro più l’indennità di accompagnamento, con cui dovrei vivere un mese e magari solo le medicine costano più di 500 euro – ha confessato -. Non ti permettono di stare tranquillo. Io sono fortunato perché lavoro e ho la mia famiglia o sarei spacciato, ma ci sono situazioni molto più difficili”.

Le difficoltà quotidiane

E se c’è un gradino, durante una colazione al bar con gli amici, Manuel è costretto a rimanere fuori. Difficile per lui anche salire su un treno da solo, perché deve chiamare prima e chiedere assistenza. Lo stesso vale per le attività quotidiane che normalmente tutti svolgono senza problemi.

“Sono cose che ti limitano mentalmente, non ti fanno sentire padrone di te stesso – ha aggiunto -. Non è colpa tua se sei su una sedia a rotelle e dovresti avere la possibilità di arrivare, dove arrivano tutti perché non hai niente di meno rispetto agli altri”.

L’impossibilità di avere figli, l’amore con Lulù che supera tutto

Manuel Bortuzzo si è messo completamente a nudo. Non ha nascosto nemmeno le sue difficoltà sessuali, facendo emozionare Alfonso Signorini. Perché nonostante questo, il nuotatore sogna di poter creare una famiglia con Lulù, l’amore nato dentro la Casa del Gf Vip.

“Una persona, in base al tipo di disabilità ha delle problematiche legate al sesso e io ho le mie – ha detto -. Le sto risolvendo, le sto affrontando, sogno un futuro con Lulù e di avere dei figli. Io potrò avere figli ma non in modo naturale, con l’inseminazione artificiale. Cose che le persone neanche immaginano. Magari pensi che una persona possa non volerti più per quello. Con Lulù ne ho parlato, lei appoggia qualsiasi cosa con tantissimo amore. Lei risolve le cose con semplicità e amore. Ho la fortuna di poter fare l’amore e di provare piacere”.

Bortuzzo ha concluso dicendo che la sua è una vita “di m***a”, ma che anche questa vale assolutamente la pena di essere vissuta.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684