I cani possono salvare le persone con diabete - QdS

I cani possono salvare le persone con diabete

redazione

I cani possono salvare le persone con diabete

giovedì 09 Maggio 2019 - 00:00
I cani possono salvare le persone con diabete

Cani specificamente addestrati in grado di riconoscere problemi glicemici sul nascere e dare in anticipo l’allerta ai propri padroni

PATERNO’ (CT) – Avere qualcuno al proprio fianco, sempre pronto a intervenire e a segnalare in anticipo eventuali innalzamenti o abbassamenti dei valori di zucchero nel sangue, prevendo le tanto temute crisi iper e ipo-glicemiche. È un sogno che per molte persone con diabete può diventare realtà, grazie all’aiuto di speciali amici a quattro zampe: cani specificamente addestrati per essere in grado di riconoscere problemi glicemici sul nascere e dare in anticipo l’allerta ai propri padroni. Per offrire ai propri associati l’opportunità di vedere dal vivo come questo possa accadere, l’Associazione diabete e famiglia di Catania ha organizzato l’evento “Un naso per il diabete”, grazie al supporto incondizionato di Ypsomed Italia.

Presso l’Agriturismo “Il Casale dell’Etna” di Paternò (CT), 30 pazienti con diabete di tipo 1, soprattutto bambini, accompagnati da parenti e amici, hanno familiarizzato con cani “diabetes friendly”, assistendo a una dimostrazione pratica dell’addestramento necessario a insegnare agli animali il fiuto per le crisi glicemiche. Alcuni istruttori cinofili della Onlus Progetto Serena, infatti, hanno eseguito gli esercizi, brevi e ripetuti, che il cane e il suo compagno umano devono compiere per sviluppare la loro relazione e fare in modo che il primo possa aiutare il secondo nella migliore gestione della patologia.

“Per la prima volta, a Catania e in tutta la Sicilia, delle persone con diabete hanno avuto la possbilità di conoscere e vedere da vicino quest’affascinante metodologia”, spiega Luca Serio, presidente dell’associazione Diabete e famiglia. “Il cane, grazie alla relazione empatica col suo compagno umano, riesce a percepire e a comunicare per tempo un innalzamento o abbassamento del valore degli zuccheri nel sangue, consentendo al padrone di intervenire prima che gli sbalzi glicemici si manifestino, con risultati davvero stupefacenti”.

Attiva da quattro anni, con più di 100 associati, la Associazione Diabete e Famiglia ha sede presso l’Ospedale Garibaldi di Catania e nasce con gli obiettivi di: riunire i diabetici e le loro famiglie, esercitare un’attività consultiva, educativa e di sensibilizzazione nei riguardi del diabete per migliorare la qualità della vita e affermare i diritti dei pazienti.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684