Il Castello della Colombaia diventerà un polo museale e un resort di lusso - QdS

Il Castello della Colombaia diventerà un polo museale e un resort di lusso

Vincenza Grimaudo

Il Castello della Colombaia diventerà un polo museale e un resort di lusso

giovedì 06 Giugno 2019 - 00:05
Il Castello della Colombaia diventerà un polo museale e un resort di lusso

Grande attesa per questo provvedimento in chiave di rinascita del sito abbandonato. Gestione affidata a ditta palermitana, l’aggiudicazione definitiva tra quindici giorni

TRAPANI – Finalmente un passo concreto verso la rinascita del Castello della Colombaia a Trapani.

La gestione della concessione del sito storico-culturale è stata affidata a una ditta palermitana (Gianluca Seidita) che si è aggiudicata la prima parte del bando pubblicato l’estate scorsa dalla Regione siciliana. La ditta ha avuto la meglio sulle tre società che avevano presentato domanda di affidamento.

Soddisfazione è stata espressa dall’associazione “Salviamo la Colombaia” che da tempo si batte proprio per non lasciare nel degrado e nell’incuria un sito di grande valore e potenzialità: “Finalmente la Colombaia di Trapani potrà risorgere dalle ceneri dell’abbandono a cui sembrava essere stata condannata”, si legge in una nota pubblicata su Facebook.

“Abbiamo voluto mantenere desta – aveva commentato qualche settimana fa Luigi Bruno, il presidente dell’associazione- l’attenzione sullo stato di degrado dell’antica fortezz”. Per l’affidamento del castello non era stata data alcuna base d’asta anche se la concessione è prevista a titolo oneroso.

L’obiettivo del governo regionale in questo modo è di rilanciare un’area di grande pregio che però non è mai stata gestita e quindi è nell’assoluto degrado. Il sito si appresta a diventare un polo museale e un resort di lusso. Ad essere previste varie attività legate al turismo: ospitalità, attività di cultura, realizzazione di spettacoli e promozione di prodotti agroalimentari.
L’aggiudicazione oscillerà, secondo quanto previsto, da 6 a 50 anni, questo si saprà tra qualche settimana.

“L’aggiudicazione definitiva – dice Luigi Biondo, direttore del polo museale di Trapani e responsabile del procedimento – avverrà tra circa quindici giorni e a Seidita è legato un’importante catena alberghiera spagnola”.
Si lavorerà dunque duramente per valorizzare il sito storico che di fatto, seppur messo in sicurezza, ancora oggi è chiuso e quindi non visitabile o fruibile proprio per la mancanza di una struttura gestionale.

Questo castello, secondo i più affermati storici, è uno dei migliori esempi di architettura militare in Sicilia e la sua storia plurisecolare segue quella della città come è espresso dal detto popolare “Cchiù vecchiu dà Culummara”, riportato dal Pugnatore. Secondo alcune fonti la fortezza sarebbe opera dei fuggiaschi Troiani fuggiti dalla loro patria dopo la sconfitta nella guerra contro gli Achei e approdati in Sicilia, nel XIII secolo a.C., ma su tale ipotesi leggendaria manca qualsiasi prova storica. Conviene invece rifarsi alla notizia data dallo storico Diodoro Siculo che attribuisce la prima edificazione al cartaginese Amilcare Barca (dal fenicio baraq, fulmine), padre di Annibale il quale, intorno al 260 a.C., eresse la torre chiamata Peliade al posto di un preesistente faro.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684