Inclusione... ma quando mai - QdS

Inclusione… ma quando mai

Lucia Russo

Inclusione… ma quando mai

mercoledì 29 Settembre 2021 - 03:00

Un duro colpo per le famiglie degli alunni con disabilità

Con la sentenza del Tar del Lazio n. 9795 del 14 settembre 2021 è stato accolto il ricorso promosso da un gruppo consistente di associazioni: Coordown Odv – Coordinamento Nazionale Associazioni delle Persone con Sindrome di Down, Coordinamento Italiano Insegnanti di Sostegno, A.S.S.I. Gulliver Associazione Sindrome di Sotos Ita-Lia Aps, Associazione Prader Willi Lombardia – Odv, Associazione Regionale Autismo Abruzzo Onlus (Auti-Smo Abruzzo Onlus), Fondazione Cepim Onlus, Persone Williams Italia Onlus, Pianeta Down Onlus, Spazio Blu Autismo Varese Onlus. Si è disposto così l’annullamento del Decreto interministeriale n. 182 del 29.12.2020, sull’adozione del nuovo modello di Pei, il Piano educativo individualizzato, che accompagna l’alunno con disabilità per tutto l’anno scolastico.

La sentenza evidenzia che “gli istituti contemplati dal decreto impugnato non solo esorbitano dalla delega ricevuta, violando i principi e criteri direttivi della legge n. 107/2015, ma paiono porsi altresì in contrasto con norme internazionali in materia di tutela della disabilità”.

I motivi dell’annullamento specificamente riguardano: composizione e funzioni del GLO (Gruppo di lavoro operativo per l’inclusione); riduzione delle ore di frequenza scolastica dell’alunno disabile; esonero dalle materie; assegnazione di risorse professionali per il sostegno e l’assistenza”. Insomma tutto da rifare e quindi soldi buttati al vento per l’apposita sezione nel sito del Miur (https://www.istruzione.it/inclusione-e-nuovo-pei/) che da gennaio fino a maggio inoltrato di quest’anno ha messo a disposizione slide di presentazione, webinar con intervento di esperti, impegnando per ore migliaia di docenti, oltre ai corsi predisposti dalle singole scuole.

Un duro colpo per le famiglie degli alunni con disabilità, dopo che molti di loro hanno subìto l’altra beffa di dover affidare i loro figli a supplenti non vincitori di concorso scelti dal ministro Bianchi per gestire l’inclusione.
E io pago!

Twitter: @LRussoQdS

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684