Stagione influenzale 2022: a chi è raccomandato il vaccino

Vaccino antinfluenzale ai bimbini? I pediatri: “Fatelo subito, epidemia già iniziata”

web-mp

Vaccino antinfluenzale ai bimbini? I pediatri: “Fatelo subito, epidemia già iniziata”

web-mp |
giovedì 22 Settembre 2022 - 18:53

"Influenza sarà cattiva, sempre vaccino sotto i 5 anni. I bambini negli ultimi 2 anni non hanno mai avuto contatto con questo virus e sono più vulnerabili"

L’autunno è alle porte ed è in arrivo l’influenza stagionale, che quest’anno sembra anticipare i tempi consueti. Per questo motivo, il consiglio da parte dei medici è di prenotare il vaccino antinfluenzale. Stagione influenzale, quella di quest’anno, che avviene in un contesto epidemiologico in continuo mutamento, perché, anche per questa volta, potrebbe sovrapporsi ai contagi dovuti al coronavirus.

Sarà una influenza cattiva

Ci aspetta una una influenza più “cattiva” che colpirà una popolazione pediatrica più vulnerabile. Lo spiega all’Adnkronos Salute Susanna Esposito, responsabile tavolo tecnico malattie infettive e vaccinazioni della Società italiana di pediatria (Sip), che invita i genitori a vaccinare i piccoli contro l’influenza.

Negli ultimi 2 anni i casi di influenza pediatrica sono stati pochissimi. Questo vuol dire che molti bambini non hanno sviluppato gli anticorpi che, anche quando circolano ceppi diversi del virus rispetto a quelli che li hanno generati, creano una sorta di difesa immunologica.

Vaccinazione raccomandata, ecco per chi

“In particolare – sottolinea – la raccomandazione è decisamente forte per i piccoli tra i 6 mesi e i 2 anni. Ma resta comunque forte fino all’età di 5 anni. Ricordiamo che la vaccinazione è comunque un vantaggio. Inoltre, dai dati di letteratura più aggiornati possiamo affermare che i piccoli sotto i 5 anni rimangono un gruppo prioritario per l’offerta della vaccinazione antinfluenzale a causa del loro maggior rischio di sviluppare malattia grave o di essere ospedalizzati”.

Pediatri: “Influenza sarà più cattiva, sempre vaccino sotto i 5 anni”

Negli ultimidue 2 anni, ricorda Esposito, “l’adozione delle misure anti-Covid ha fatto sì che i bambini, soprattutto sotto i 5 anni, non abbiano mai avuto contatti con diversi virus stagionali e possano essere più vulnerabili alle infezioni. E questo è anche il motivo per cui, nella circolare per la prevenzione dell’influenza di quest’anno, si è data particolare enfasi alla vaccinazione pediatrica. Da tempo l’antinfluenzale è raccomandato nei bambini con patologia cronica, ma anche negli adulti con cronicità e negli anziani. Negli ultimi 2 anni la novità è stata l’estensione alla popolazione sotto i 6 anni di età”.

Perché i bimbi under 5 sono quelli più a rischio?

“Sappiamo che i bambini con meno di 5 anni – precisa la pediatra – hanno un rischio alto di malattia grave e di ospedalizzazione, così come hanno un rischio elevato di trasmettere ad altri l’infezione. Sappiamo anche come nei primi 5 anni, in presenza di febbre, si arriva spesso all’utilizzo di antibiotici. Quindi l’obiettivo della vaccinazione è certamente quello di ridurre la patologia che può portare al ricovero, ma anche quello di contenere l’antibiotico-resistenza con un minore utilizzo di questi farmaci”.

Cos’è l’influenza australiana

I casi segnalati dal Bambino Gesù di Roma sono bambini giunti al pronto soccorso per problemi all’apparato respiratorio, i cui i campioni sono stati analizzati da un punto di vista molecolare: i ricercatori hanno individuato in tutti i casi il virus H3n2, uno dei principali responsabili della cosiddetta influenza “australiana”, che si manifesta con i sintomi tipici del male di stagione, come stanchezza, dolore a ossa e muscoli, febbre e problemi all’apparato respiratorio e gastro-intestinale, ma, proprio come le altre malattie causate da altri ceppi influenzali, rappresenta un rischio nelle persone più fragili.

Consip, acquistate 1,8 mln di dosi di vaccino antinfluenzale

Le procedure di gara indette negli ultimi mesi tramite il Sistema Dinamico di Acquisto della Pa (Sdapa) ‘Farmaci’ di Consip hanno permesso di acquistare un totale di 1,8 milioni di dosi di vaccino antiinfluenzale, per un valore complessivo a base d’asta di circa 22 milioni di euro.

Sono sei le Regioni che hanno avviato appalti specifici aventi ad oggetto i vaccini per la prevenzione e il controllo dell’influenza.

Oltre alle conferme delle adesioni registrate nel 2021 (Sicilia, Liguria, Friuli Venezia Giulia, Marche, Basilicata), tra le Regioni che hanno indetto le procedure di gara si è aggiunta l’Umbria, per un valore bandito di oltre 3 milioni di euro. Di particolare rilievo anche il dato relativo alla Regione Liguria, che ha visto quasi raddoppiare il numero di dosi acquistate, per un valore bandito di oltre 9,5 milioni di euro.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684