Libri, i dati su Sud e Sicilia gridano vendetta - QdS

Libri, i dati su Sud e Sicilia gridano vendetta

Fleres Salvo

Libri, i dati su Sud e Sicilia gridano vendetta

domenica 17 Gennaio 2021 - 09:00
Libri, i dati su Sud e Sicilia gridano vendetta

Con il volume "Sicilia-Mezzogiorno. Quello che nessuno ci dice" Fleres parla di Infrastruttura e della necessità di una classe dirigente in grado di rispondere alle esigenze della Sicilia

Io non so se alle prossime elezioni prevarrà il centrodestra o il centrosinistra, so che, al momento, nessuno dei due schieramenti e men che meno i grillini, ha proposto significativi interventi per migliorare le infrastrutture al Sud ed in Sicilia.
Al contrario, sembra che le uniche cose che interessino i partiti di governo, non meno di quelli di opposizione, siano le posizioni di vertice da occupare, trascurando sia i contenuti sia agli obiettivi.

È urgente che i siciliani ed i meridionali tutti, a prescindere dalle rispettive ideologie, contribuiscano a rafforzare un soggetto politico territoriale capace di esprimere una classe dirigente che risponda agli elettori, non ai salotti della speculazione padana, né al teatrino della politica romana e sappia interloquire pariteticamente ed a testa alta con il resto del paese..

In tal senso la Lega sta tentando di convincere qualche anima semplice, sostenendo di essere pronta a collaborare generosamente con i gruppi che si battono per la piena affermazione dell’autonomia. La storia ci insegna che non c’è niente di meno attendibile.
In quel partito le decisioni saranno prese sempre e comunque a Milano, così come prima si prendevano ad Arcore o a Roma per partititi diversi.

L’idea, però, appare affascinante, tanto affascinante da colpire quanti credono davvero alla buona fede di un partito che cambia nome ma resta del Nord. La credoluneria non mi stupisce, d’altra parte c’è chi sostiene che la Terra sia piatta e che lo sbarco sulla luna fu costruito negli studios americani.

La Sicilia ed il Sud non hanno bisogno né di promesse, né di minacce ma di infrastrutture e di lavoro, cioè di quegli elementi che la Lega, come il PD o altri devono portare nella Padania o altrove per mantenere gli impegni con chi ne muove le fila. D’altra parte le cifre sono estremamente chiare e non hanno bisogno di commenti particolari.
In Sicilia ci sono 1.369 km. di strade ferrate, in Lombardia 2.000; in Sicilia ci sono circa 600 km. di autostrade, in Lombardia 1.413; in Sicilia ci sono 3.591 km. di strade statali, in Lombardia 11.000; in Sicilia il totale di km. di strade è 20.821, in Lombardia 70.000. Il 34,3% della popolazione risiede al Sud, che ottiene solo il 28,3% del totale della spesa pubblica, il 65,7% della popolazione risiede al Nord, che ottiene il 71,7% del totale della spesa pubblica.
Questi dati ufficiali sono sufficienti per spiegare che bisogna far crescere subito un partito dei siciliani e dei meridionali, ma significa pure che bisogna lavorare ad un modello che non metta il Sud contro il Nord, permettendo al paese di crescere armonicamente e sinergica mente in ogni sua parte.

Se non bastassero gli elementi citati potremmo aggiungerne anche altri, come quelli che seguono e che appaiono estremamente chiari, almeno per chi ha voglia di comprenderne il significato e magari ha voglia di reagire.
In Sicilia ci sono 6.344 scuole, in Lombardia 9.044; in Sicilia ci sono 3.482 impianti sportivi, in Lombardia 9.423; in Sicilia ci sono 872 biblioteche, in Lombardia 2.144; i siciliani spendono appena 27,630 milioni per assistere a rappresentazioni teatrali, i lombardi 155 milioni.

Dal 2003 in avanti al Sud sono stati sottratti circa 840 miliardi, 200 dei quali alla Sicilia, che sono stati dirottati al Nord. I recenti provvedimenti del governo non prevedono grandi opere nel Mezzogiorno, né il ponte sullo stretto di Messina, che costituisce l’elemento base sul quale fondare qualsiasi reale progetto di sviluppo.

Ma c’è di peggio. Su 5 milioni di residenti in Sicilia ci sono solamente un milione e trecentomila occupati (considerando anche il sommerso), mentre i disoccupati sono oltre un milione, una cifra che si ottiene sommando i 380 mila soggetti iscritti nelle liste di collocamento e quelli silenti (il dato è incontrovertibile perché la forza lavoro è di 2 milioni e 300 mila unità).
La disoccupazione, sia pure in continuo aumento, si aggira intorno al 23% circa, quella giovanile sale al 57%. Negli ultimi 10 anni, senza contare i disastrosi esiti della pandemia, sono stati persi oltre 130 mila posti di lavoro.
Le famiglie a rischio di povertà sono giunte al 55% (la Puglia è al 47%, la Campania al 46%). Il reddito pro-capite è di 17.200 euro circa, a fronte dei 42.600 euro di Bolzano ed i 36.600 della Lombardia.

La Sicilia, sempre a parte il drammatico tracollo legato al Covid ed agli effetti che ha determinato, in 10 anni, ha perso il 12% del PIL. Solo il ponte farebbe recuperare circa 7 punti.
Nell’indice di competitività europeo la Sicilia è al 237° posto, su 263 regioni.
I giovani tra i 18 e i 24 anni che non si formano e non cercano lavoro sono il 41% (dopo di noi c’è solo la Bulgaria e la Guyana francese).
La Sicilia ha il più alto numero di cittadini residente all’estero: intorno ad 800 mila mal contati. Ben 25/30 mila siciliani, giovani e non, ogni anno lasciano la nostra regione, realizzando una sorta di desertificazione storica di dimensioni enormi ed in atto inarrestabili.
L’indice infrastrutturale della Sicilia, soprattutto per quanto riguarda strade, autostrade, ferrovie, scuole, impianti sportivi è pari a circa 1/3 di quello della media nazionale.

Non credo che sia necessario aggiungere altro. Credo, invece, che sia venuto il momento di uscire dalla propria casa e agire sul piano di una forte e territoriale interlocuzione politica, che tuttavia, almeno fino a questo momento, stenta a convincere gli attuali attori in campo.
Mi riferisco, in particolare, non solo a quelli che hanno la fortuna di avere qualche bene al sole e non hanno voglia di perderlo, ma a chiunque, soprattutto a quelli che hanno l’interesse ed il dovere civile ed istituzionale di difendere quel poco o tanto che, sacrificando tempo e salute, hanno realizzato nella vita, ai quali spetta di far sentire la voce di chi non intende più permettere una situazione del genere.

Salvo Fleres
Portavoce Unità Siciliana -Le Api

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684