Irina Ganiceva, l'arte in nome della pace ed espressione dei sentimenti

Irina Ganiceva, l’arte in nome della pace ed espressione dei sentimenti

Web-al

Irina Ganiceva, l’arte in nome della pace ed espressione dei sentimenti

Nicoletta Fontana  |
giovedì 28 Aprile 2022 - 15:00

Ospite della Poltrona di Nicoletta Irina Ganiceva, una pittrice figurativa nata e vissuta a lungo appena sotto il Circolo Polare Artico

“Ho scelto di farmi sedurre dall’Arte perchè è la più dolce delle violenze…” (Dal diario di un anonimo
saggio cinese di XVI sec.). Irina Ganiceva si ritrova in questa frase di un anonimo saggio cinese perché ritiene che l’arte se è vera, è struggente e violentemente bella.

Chi è Irina Ganiceva

Nata nello Stato di Komi in Russia, nel Circolo Polare Artico, non è un caso che le sue opere rimandino spesso alle sue origini. Da quella terra potente e primordiale, fatta di tundra, di neve, di ghiacci, di foreste e di aurore boreali, in cui il buio e la luce si alternano come una metafora della vita, lei si svela.

Irina intraprende il suo viaggio interiore, in osservazione del buio della sua anima, ma che vittoriosamente conduce sempre alla luce: “Dal fondo, alla rinascita”. Nel suo moderno espressionismo  raffigura più volte, attraverso i suoi dipinti, una donna  forte e volitiva, fiera, un’araba fenice messaggera di forza, di coraggio e talvolta  “guida” anche per l’uomo. Un lavoro concettuale che conduce l’osservatore a una riflessione intimistica e profonda.

“Origini”, il suo autoritratto

E così, attraverso la sua sublime opera pittorica indaga su “Sua divinità l’Ego”, sul narcisismo patologico, il giudizio, la tentazione e non ultimo volge una denuncia per tutta quell’umanità che sta portando il nostro pianeta alla distruzione. Io, avendola conosciuta intimamente, sono stata rapita dal suo autoritratto intitolato “Origini”, in cui in veste di sciamana danza accompagnata dalle fragorose note emanate da un tamburello, in una sorta di ballo propiziatorio, che inevitabilmente rimanda all’inno per la pace nel mondo.

Nicoletta Fontana

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684