Isole Eolie, è guerra per l'unico ospedale a Lipari, "Stop a smantellamento" - QdS

Isole Eolie, è guerra per l’unico ospedale a Lipari, “Stop a smantellamento”

web-iz

Isole Eolie, è guerra per l’unico ospedale a Lipari, “Stop a smantellamento”

web-iz |
giovedì 03 Febbraio 2022 - 15:54

Il Comitato cittadino chiede di fermare lo smantellamento dell'unico ospedale che serve le isole Eolie e di assistere i malati senza trasferirli.

Stop al progressivo smantellamento dell’Ospedale di Lipari, unico presidio sanitario delle Isole Eolie, e alla sua inevitabile chiusura: lo ribadisce, ormai da mesi, il Comitato cittadino “L’Ospedale di Lipari non si tocca” che ipotizza anche di segnalare alla Corte dei Conti la situazione.

I cittadini eoliani trasportati altrove per essere curati

I cittadini eoliani in gravi condizioni di salute (o le donne prossime al parto) vengono infatti trasportati in altre strutture sanitarie siciliane con elicotteri.

Questo continuo andirivieni ha un costo esorbitante: circa 7-10.000 euro a tratta a carico dello Stato. Per una cifra complessiva molto più alta rispetto a quanto costerebbe la gestione di un piccolo ospedale funzionante. Non solo: l’ospedale, oltre alla chiusura del punto nascita, non ha più una camera iperbarica a disposizione esponendo i turisti estivi impegnati in attività subacquee a gravi rischi.

Il Comitato: “Criticità non più affrontabili”

    “Da troppo tempo ormai, – scrive il Comitato ai Sindaci eoliani – nel nostro ospedale, si rilevano criticità quotidiane non più affrontabili e sopportabili, che hanno raggiunto nell’ultimo periodo livelli di drammaticità. Tante le iniziative ufficialmente intraprese da comitati e dall’amministrazione del Comune di Lipari. Ma tutto è risultato vano.

Nessuna delle promesse formulate dalle autorità preposte all’organizzazione e al buon funzionamento del servizio sanitario pubblico è stata mantenuta. Neppure la solenne promessa fatta dal sottosegretario alla salute, nel dicembre 2021, dinnanzi al Consiglio Comunale, al Sindaco e a questo comitato, ha dato esito positivo. Solo un silenzio assordante, inspiegabile e mortificante”.

Il Comitato sprona i primi cittadini: “Il momento è propizio per unire le forze e le volontà. Il Pnrr, se studiato bene, e se terrà conto delle esigenze dei territori, sarà per noi fondamentale. Ora o mai più. Non ci saranno altre occasioni per far risorgere la sanità territoriale”. (ANSA).

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684