La leggenda della ninfa Etna - QdS

La leggenda della ninfa Etna

Chiara Spampinato

La leggenda della ninfa Etna

martedì 08 Dicembre 2020 - 00:00

Leggende d’ogni sorta avvolgono la nostra montagna

Il nostro vulcano, patrimonio dell’Unesco dal 2013 è il più alto ed attivo d’Europa con i suoi 3.340 mt (ma la sua altezza varia nel tempo in base alle eruzioni che ne modificano, di poco, continuamente l’altitudine).
Dato il suo incantevole e mistico scenario si è sempre prestato a custodire arcane leggende e fantastici miti, dagli arabi ai greci, dalle fate agli elfi, dai folletti alla fata Morgana e Merlino e persino re Artù. Leggende d’ogni sorta avvolgono la nostra montagna e si perdono nella notte dei tempi. Quando noi siciliani facciamo riferimento al nostro mirabile e amatissimo vulcano, il sostantivo, come d’incanto, diventa femminile.

Per noi non è il vulcano ma “‘a muntagna!”, madre amorevole e matrigna di ogni siciliano che si rispetti. Si tratta di una presenza benevola, che simboleggia l’irruenza del nostro popolo, ma anche la sua capacità di contenersi. Sta lì, sbuffa e sputa fuoco, ma poi non nuoce veramente a nessuno, il suo continuo ribollio è come il sangue caldo nelle nostre vene di gente del sud, buona e chiassosa e ci pervade sin dalla nascita di un immancabile fatalismo. Tra le più antiche leggende quella che più darebbe senso al genere femminile di cui lo abbiamo insignito, è quella riguardante la ninfa Etna.

Etna, figlia di Urano, dio delle volte celesti e Gea, dea della terra, era splendida, la perfetta congiunzione divina tra il cielo e la terra, tra il nucleo magmatico e le volte celesti. La nostra familiare ninfa, si narra avesse una tormentata quanto segreta relazione col dio Efesto, meglio noto in Sicilia come Adranos, e che dal loro amore nacquero due gemelli, che la ninfa dovette partorire nascosta nelle viscere della terra a causa della natura illecita della loro relazione. Cosi furono due volte partoriti e dal ventre della madre e dal ventre della terra, dando vita al vulcano e contrassegnandolo di una vivace ed assidua attività.

O anche si narra che i figli di Gea, i giganti, suoi fratellastri, vollero ribellarsi a Zeus, ma quando uno di questi, Tifeo, fu pronto a sferrare il colpo di grazia al dio, Etna gli fece scudo col suo corpo avendo la meglio e con impeto e coraggio sottomise il gigante, imprigionandolo nel ventre della terra.

Sarebbe tutt’oggi l’ira di Tifeo (mezzo uomo, mezzo animale, con testa d’asino e ali di pipistrello e mille serpenti sulle spalle) a far sbuffare e sputare fuoco all’Etna. Il gigante, da sotto le viscere della terra, oltre a generare eruzioni, reggerebbe sulla mano destra Capo Peloro, Pachino sulla sinistra, sulle gambe Marsala e l’Etna sulla testa ed ogni qual volta cerchi di divincolarsi per liberarsi, sia la causa dei terremoti.

L’Etna non solo assume piena identità femminile ma anche la qualità di essere buona ed amorevole, si ritiene infatti che Etna sia una trasposizione di Agatòs (dal greco “buono”) e dal dialetto Aitna, e poi Aitina, diminitivo dialettale di Agata che non a caso è la Santa patrona della città che sorge alle sue pendici, Catania.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684