Lavoro, silenzio assordante sugli incidenti, sindacati alla Regione: “Urge confronto” - QdS

Lavoro, silenzio assordante sugli incidenti, sindacati alla Regione: “Urge confronto”

redazione

Lavoro, silenzio assordante sugli incidenti, sindacati alla Regione: “Urge confronto”

martedì 06 Agosto 2019 - 03:00
Lavoro, silenzio assordante sugli incidenti, sindacati alla Regione: “Urge confronto”

Nel 2018 le denunce di infortunio registrate dall’Inail sono state 28.118 in Sicilia

PALERMO – “Riteniamo utile e non più procrastinabile avviare un confronto con la Regione siciliana e gli assessori di riferimento anche e soprattutto per le competenze esclusive che lo Statuto e le norme regionali gli impongono per porre fine a questo silenzio assordante e all’indifferenza totale delle istituzioni di fronte allo stillicidio di morti sul lavoro, che fa registrare ogni giorni dati sempre più preoccupanti”.

Lo chiedono, in una nota congiunta, i segretari di Filca Cisl Sicilia, di Fillea Cgil Sicilia e di Feneal Uil regionale, Paolo D’anca, Mario Ridulfo e Francesco Di Martino.

“In Sicilia – prosegue la nota – i morti sul lavoro nel 2018 sono stati 64, di cui 7 nel settore delle costruzioni, mentre le denunce di infortunio registrate dall’Inail, nel 2018, sono state 28.118 e già nel primo trimestre 2019 sono state a livello nazionale 157.715 (+ 1,9% rispetto allo stesso periodo del 2018), 212 delle quali con esito mortale. Purtroppo la Sicilia segue questo triste trend nazionale. Sono dati allarmanti di fronte ai quali non è più accettabile la sordità del governo regionale”.

“La Regione risponda immediatamente al nostro appello – conclude la nota – e ci auguriamo che, attraverso il confronto con le parte interessate, ovvero con i lavoratori, le imprese e il sistema bilaterale delle costruzioni, si arrivi quantomeno ad individuare delle soluzioni proficue per arrestare questa mattanza”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684