Libertà di stampa, Mattarella, "Informazione, senza pluralismo meno liberi" - QdS

Libertà di stampa, Mattarella, “Informazione, senza pluralismo meno liberi”

Raffaella Pessina

Libertà di stampa, Mattarella, “Informazione, senza pluralismo meno liberi”

mercoledì 04 Maggio 2022 - 09:09

Così Mattarella nella Giornata mondiale della libertà di stampa
Moles: “Termometro salute della Democrazia”

ROMA – Celebrate ieri la Giornata mondiale della libertà di stampa e la Giornata della memoria dedicata ai giornalisti uccisi da mafie e terrorismo. Nel primo trimestre del 2022 sono stati censiti 44 episodi, a fronte dei 63 registrati nell’analogo periodo del 2021.

Il 27% delle intimidazioni è stato effettuato via web, nella maggior parte tramite i social network. Numerose le personalità intervenute in occasione della commemorazione, primo fra tutti il presidente della Repubblica Sergio Mattarella: “La libertà di stampa, insieme alla libertà di essere informati, è il termometro della salute democratica di un Paese – ha detto – ce lo insegnano in questi giorni i drammatici avvenimenti della guerra in Ucraina. È compito della comunità internazionale ai vari livelli rendere effettivi questi diritti”. Per il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese “tutelare la libertà di stampa è fondamentale per la nostra vita democratica. Quando viene violata a farne le spese sono non solo i giornalisti ma tutti i cittadini a cui deve essere sempre garantita una adeguata e corretta informazione”.

“Il prossimo 5 maggio – ha annunciato il ministro – presiederò una riunione del Centro di Coordinamento per le attività di monitoraggio, analisi e scambio permanente di informazioni sul fenomeno degli atti intimidatori nei confronti dei giornalisti appositamente dedicata all’esame del report 2021 e dei dati disponibili per il primo trimestre del 2022”.

Per Giuseppe Moles, Sottosegretario all’Editoria e Vice Presidente dei Senatori di Forza Italia, “Difendere, tutelare e sostenere la libertà di stampa, che è il pilastro di ogni democrazia, è un dovere quotidiano di ciascuno – ha detto – La buona informazione è un diritto del cittadino ed è essenziale nel contrasto alla disinformazione imperante”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684