Chiusura Lukoil a Siracusa, Prestigiacomo: “Scelta attendista del Governo, insensata” - QdS

Chiusura Lukoil a Siracusa, Prestigiacomo: “Scelta attendista del Governo, insensata”

web-mp

Chiusura Lukoil a Siracusa, Prestigiacomo: “Scelta attendista del Governo, insensata”

web-mp |
giovedì 30 Giugno 2022 - 19:25

“Serve scongiurare adesso – fra poco sarà troppo tardi – la chiusura dell’Isab del gruppo Lukoil che avrebbe effetti devastanti su migliaia di lavoratori siciliani che si troverebbero senza lavoro e senza salario. La chiusura dell’Isab, paventata ormai da settimane avrebbe anche conseguenze complessive sull’economia siciliana e infliggerebbe un colpo gravissimo a tutto il comparto nazionale della raffinazione. La pervicacia del governo nel voler derubricare questa emergenza che è sociale ed economica è allarmante: in gioco c’è il futuro di un pezzo di territorio del nostro Paese e di un settore produttivo importante”.

Lo ha dichiarato all’Ansa la deputata di Forza Italia, Stefania Prestigiacomo, sull’emendamento a sua firma e del capogruppo Barelli al ‘decreto aiuti’ in discussione alla Camera, finalizzato proprio a consentire la prosecuzione dell’attività degli impianti di Siracusa. La parlamentare azzurra ha evidenziato in ogni modo la necessità di un intervento “diretto e immediato” da parte dell’esecutivo, anche perchè una dismissione delle attività della raffineria ‘comprometterebbe il PIL dell’isola e vedrebbe ridotta del 25% la capacita’ di raffinazione nazionale.

“E’ insensata – afferma ancora la Prestigiacomo – la scelta attendista del governo che nonostante le ripetute sollecitazioni non spiega perchè non vuole estendere le garanzie prestate ex lege dalla SACE SpA all’ISAB. Attraverso questa garanzia pubblica l’Isab potrebbe tornare ad operare sul mercato libero del greggio e assicurare la produzione e i livelli occupazionali diretti, dell’indotto e delle imprese a vario titolo collegate alla raffineria”.

“Dall’esecutivo nazionale – conclude la parlamentare nella nota all’Ansa – attendiamo un atto di coraggio, non una regalia ma una misura di responsabilità politica e sociale doverosa verso tutte le aree del Paese, ma più urgente al Sud, segnato da problemi e limiti di sviluppo irrisolti”

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684