Medici e falso ideologico: cosa dice la Cassazione - QdS

Medici e falso ideologico: cosa dice la Cassazione

Andrea Carlino

Medici e falso ideologico: cosa dice la Cassazione

mercoledì 01 Maggio 2019 - 00:00
Medici e falso ideologico: cosa dice la Cassazione

Si prefigura il reato quando si ingenera la falsa rappresentazione della riconducibilità al professionista convenzionato. Il caso del dottore in quiescenza che opera in sostituzione siglando le ricette di un altro medico

PALERMO – Si prefigura il reato di falso ideologico se il medico, in quiescenza, opera in sostituzione siglando le ricette di un altro medico.
Così ha deciso la Corte di Cassazione (sezione V Penale) con la sentenza n.14681/2019 depositata il 3 aprile scorso.

I giudici di ultima istanza hanno respinto il ricorso presentato da un medico che chiedeva l’assoluzione per i fatti a lui addebitati. Luigi (nome di fantasia), medico in pensione, aveva utilizzato le ricette del Sistema sanitario nazionale intestate al suo amico medico, Paolo (altro nome di fantasia), originario coimputato, recanti il timbro di questi e la sottoscrizione, apposta con firma illeggibile, del dottor Luigi.

Secondo i giudici la condotta integra il reato di falso ideologico poiché in tal modo si ingenera la falsa rappresentazione della riconducibilità al medico convenzionato.

Secondo l’imputato, il reato non era configurabile in quanto lui si sarebbe limitato a compilare personalmente le ricette firmandole con il proprio nome accanto al timbro del dottore, suo amico, nelle vesti di sostituto di questi.

Infatti, per i legali dell’imputato, le circolari emanate in materia da alcune Regioni, il sostituto del medico convenzionato deve compilare le ricette sul ricettario del titolare apponendo il doppio timbro del titolare e del sostituto e la sola firma del sostituto.

Ad esempio, in Lombardia, l’apposizione del timbro del sostituto è “solo eventuale se possibile”. Quindi l’operato dell’imputato sarebbe stato lecito o al massimo integrerebbe una mera irregolarità. In ogni caso non si prefigurerebbe il reato materiale, contestato unitamente al reato di falso ideologico. I giudici della Corte di Cassazione, però, hanno ritenuto infondato il ricorso.

Il falso materiale è un reato caratterizzato dalla presenza di un errore di forma in un atto; può essere commesso da un Pubblico Ufficiale o da un Incaricato di Pubblico Servizio. L’articolo 481 del Codice Penale sancisce che chiunque, nell’esercizio di una professione sanitaria o forense o di un altro servizio di pubblica necessità attesta falsamente in un certificato, fatti dei quali l’atto è destinato a provare la verità, è punito con la reclusione fino a un anno o con la multa da 51 euro a 516 euro. Tali pene si applicano congiuntamente se il fatto è commesso a scopo di lucro. Da ricordare, inoltre, che la falsità nella certificazione riguarda il medico che lo redige e non il soggetto che lo riceve o lo utilizzi: il delitto si consuma al momento del rilascio all’assistito e non quando questi ne abbia, eventualmente, tratto beneficio dalla presentazione ai destinatari.

Il reato di falso ideologico si configura quando il giudizio diagnostico espresso nel certificato medico si fonda su fatti esplicitamente dichiarati o implicitamente contenuti nel giudizio stesso che siano non corrispondenti al vero e che ciò sia conosciuto da colui che ne fa attestazione.

Il falso ideologico si differenzia a seconda che sia commesso in atto pubblico (art. 479 Codice Penale) o in certificazione amministrativa (art. 480 Codice Penale) da pubblico ufficiale o da incaricato di pubblico servizio , ipotesi più grave punita con maggiore severità, rispetto a quella commessa in scrittura privata (art. 481 Codice Penale) da un medico in regime libero professionale.

Non sussiste il reato di falso ideologico (art. 481 Codice Penale) quando il medico di medicina generale certifica in buona fede una sindrome sulla base dell’anamnesi fornita con inganno dal paziente, al fine del rilascio del certificato di malattia.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684